Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Premi e Concorsi
Premi e Concorsi | 19 Mar 2020
CONDIVIDI:

Premio 'Marco Luchetta', Giovanna Botteri presidente della giuria della XVII edizione

I giurati coinvolti nelle fasi di selezione in modalità di smart working. La proclamazione delle terne finaliste è prevista per aprile. Rinviata a dopo l'estate la settima edizione di Link, Festival del Giornalismo.
La home page di premioluchetta.com

È Giovanna Botteri, corrispondente Rai da Pechino, la presidente di giuria del premio giornalistico internazionale "Marco Luchetta" 2020. Già premio speciale Luchetta 2015 e in queste settimane presenza quotidiana nelle case degli italiani con l'intenso e drammatico filo diretto che la impegna dalla Cina, Giovanna Botteri è stata per 12 anni corrispondente Rai dall'ufficio di New York e come inviata speciale ha seguito alcuni dei più rilevanti avvenimenti del nostro tempo, dal crollo dell'Unione Sovietica all'inizio dei bombardamenti su Baghdad nel 2003.

«Il Premio Luchetta 2020 prosegue – annuncia Giovanna Botteri in un video inviato ai promotori – La giuria continuerà in questi giorni ad esaminare online, da remoto, i reportage pervenuti per questa 17a edizione. In questo modo, lavorando da casa, possiamo realmente contribuire a salvare vite umane e a prevenire tanta sofferenza. E in questo modo, come presidente di giuria, potrò sentirmi anch'io da Pechino più vicina a voi tutti, a Trieste».

Per la prima volta la giuria del premio Luchetta non si ritroverà insieme in seduta plenaria, per la consueta definizione delle terne finaliste: la decisione, presa in ottemperanza alle misure di contenimento del Covid-19, introduce quest'anno una inedita modalità di smart working, con i giurati coinvolti nelle fasi di selezione a diverse latitudini, in Italia e all'estero. La proclamazione delle terne finaliste è prevista per aprile.

Centinaia i reportage internazionali pervenuti alla giuria, come sempre dedicati alla sensibilizzazione sulle violenze e sopraffazioni subite dalle vittime più indifese: i bambini. Tante corrispondenze, dalle trincee del mondo, legate alle cinque categorie nelle quali è articolato il premio: tv news, tv reportage, fotografia, carta stampata e web per testate italiane e straniere. Gli obiettivi e le finalità del premio si coniugano con lo spirito umanitario che anima l'attività della Fondazione Luchetta, nata all'indomani della tragedia di Mostar nel gennaio '94 – quando persero la vita i giornalisti Rai Marco Luchetta, Alessandro Sasha Ota e Dario D'Angelo – e dei tragici fatti di Mogadiscio nei quali veniva ucciso il telecineoperatore triestino Miran Hrovatin, inviato in Somalia con la giornalista Ilaria Alpi.

Istituito dalla Fondazione Luchetta con la Rai, organizzato da Prandicom, il Premio è coordinato dalla curatrice Francesca Fresa con il segretario generale della giuria Giovanni Marzini, che annunciano un'importante variazione di calendario legata alla 7a edizione di Link, Festival del Giornalismo: in conseguenza della pandemia in corso non sarà evidentemente possibile onorare le date 7/10 maggio, originariamente previste per il festival, che è rimandato a dopo l'estate.

Info e dettagli sui siti web del Premio Luchetta e della Fondazione Luchetta Ota D'Angelo Hrovatin.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più