CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Repubblica, il Coordinamento dei collaboratori denuncia i «trucchi del precariato eterno»
Lavoro autonomo 06 Set 2021

Repubblica, il Coordinamento dei collaboratori denuncia i «trucchi del precariato eterno»

Fabio Butera, ex videomaker a partita Iva, ha scritto una lettera (anagrammando il proprio nome) a Francesco Merlo: fingendosi un grafico vi descrive, in parte romanzata, la sua vicenda. La risposta dell'editorialista innesca la reazione dei giornalisti, che da tempo chiedono un incontro con l'azienda per avere chiarezza sul futuro.

«"Trucchi da precariato eterno". È così che Repubblica ha definito sulle sue pagine – inconsapevolmente – il trattamento che riserva ai suoi stessi giornalisti precari. Tutto grazie a una lettera pubblicata domenica nella rubrica dell'editorialista Francesco Merlo, dove si racconta la storia di un 37enne sfruttato dalla sua azienda che si è firmato Tobia Bufera: in realtà, come ha rivelato lui stesso su Facebook, si tratta di Fabio Butera, ex videomaker precario di Repubblica.it che proprio per Repubblica aveva realizzato un lungo reportage sul precariato dei rider». Così, in una nota, il Coordinamento dei giornalisti precari di Repubblica.

"Negli ultimi sei anni ho lavorato quotidianamente ed esclusivamente per la stessa azienda – scrive Butera a Repubblica –. Ora, invece del contratto da dipendente, mi è stato chiesto di firmare un foglio in cui dichiaro di essere un fornitore esterno, rinunciando a qualsiasi diritto acquisito. Non so cosa fare: firmare e continuare a lavorare da finta partita Iva o dire basta a questo sfruttamento cercando un altro lavoro?".

«La risposta di Merlo – rileva il Coordinamento – non lascia dubbi: "Si partì con la flessibilità, che avrebbe reso moderno il mercato del lavoro, e si è arrivati ai trucchi del precariato eterno". Questa vicenda si inserisce in un periodo in cui il Coordinamento dei precari di Repubblica ha chiesto più volte, senza mai ottenerlo, un appuntamento con l'azienda per avere chiarezza sul futuro di precari storici. Lo stesso Coordinamento che viene accusato di essere anonimo e che in realtà ha il volto dei precari storici di Repubblica e una rappresentanza riconosciuta dal sindacato dei giornalisti e che ha incontrato più volte i due Comitati di redazione di Repubblica che sono stati in carica nell'ultimo anno e mezzo».

Le motivazioni dell'anonimato, concludono i giornalisti, «si capiscono da quanto capitato a un precario storico pagato "a pezzo" da oltre 20 anni: dopo avere chiesto la stabilizzazione del suo rapporto di lavoro si è visto mettere alla porta per problemi di budget».

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più