CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Il giornalista Mario Sarzanini (Foto: Agi)
Lutto 19 Mar 2021

Addio a Mario Sarzanini, decano della cronaca giudiziaria della Capitale. Il cordoglio della Fnsi

Nato a Genova nell'aprile del 1934, giornalista professionista dal 1964, ha lavorato per 40 anni all'Ansa e poi collaborato con quotidiani e tg. Per decenni punto di riferimento della sala stampa di piazzale Clodio, a Roma ha seguito le vicende che hanno fatto la storia del Paese.

Il mondo del giornalismo dice addio a Mario Sarzanini, decano dei giornalisti della cronaca giudiziaria della Capitale. Nato a Genova nell'aprile del 1934, giornalista professionista dal 1964, ha lavorato per 40 anni all'Ansa e poi collaborato con quotidiani e tg.

Dopo aver iniziato la carriera a Milano, a Roma ha seguito le vicende che hanno fatto la storia del Paese, dal massacro del Circeo all'assassinio di Pasolini, gli anni del terrorismo, il caso Moro, il delitto Pecorelli, l'attentato a papa Wojtyla, solo per citarne alcuni.

Si è occupato, fra l'altro, anche della strage di Ustica, del sequestro di Emanuela Orlandi, del delitto di via Poma, dall'agguato a Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, degli attentati a D'Antona (1999) e Biagi (2002), fino ad arrivare alla maxi-inchiesta su 'Mafia Capitale'.

Per decenni punto di riferimento della sala stampa di piazzale Clodio, cronista instancabile e curioso, Sarzanini ha trasmesso la sua infinta passione per il giornalismo ai figli: Fiorenza (da gennaio vicedirettrice e capo dell'ufficio di Roma del Corriere della Sera), Roberta (addetta stampa) ed Enrico (giornalista e conduttore radiofonico).

A loro, alla moglie Luciana, ai colleghi e agli amici che hanno potuto conoscere e apprezzare Mario Sarzanini la vicinanza della Federazione nazionale della Stampa italiana.

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più