Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Libertà di stampa | 11 Nov 2016
CONDIVIDI:

Augustino Potenza, l’italiano che inventò il marketing della mafia: ecco l'inchiesta di Marilù Mastrogiovanni

Rilanciamo l’articolo della collega Marilù Mastrogiovanni per la quale la giornalista è stata messa alla gogna dal sindaco di Casarano, Gianni Stefàno, che ha invitato la cittadinanza a “reagire” contro l’inchiesta della coraggiosa cronista. «Nessuna notizia potrà mai ledere i cittadini onesti che hanno il diritto di essere informati su ciò che accade nella loro comunità», ribadiscono il segretario Lorusso e il presidente Giulietti.
La giornalista Marilù Mastrogiovanni, al centro, con il team della trasmissione "Cose Nostre" (Foto: @CoseNostreRai1)

«Augustino Potenza, ucciso con 18 colpi di Kalashikov a Casarano (Lecce), era considerato dalla direzione nazionale antimafia una delle nuove rampanti leve delle sacra corona unita. Ma a Casarano, suo paese d’origine, dove viveva, era venerato come un dio. In quattro anni era riuscito a creare un clima di consenso e omertà. Inventando il marketing della mafia per nascondere il fiume di denaro che arrivava dagli affari criminali. E sfamando contemporaneamente un po’ di famiglie in ginocchio per la crisi. Storia di un genio del male tutto Italiano».
Inizia così l'inchiesta per la quale la collega Marilù Mastrogiovanni, cui è dedicata la prima puntata della nuova stagione della trasmissione di Rai1 Cose Nostre (in onda domani in seconda serata), è stata messa alla gogna dal sindaco di Casarano, che ha invitato la cittadinanza a “reagire” contro l’inchiesta della coraggiosa giornalista.

«Quando a Casarano pronunci il nome di Augustino Potenza, adesso, ti si fa il vuoto intorno. Fino a pochi giorni fa il suo nome spaccava in due il paese», scrive Marilù Mastrogiovanni. Qui il link alla sua inchiesta.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più