Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Cdr
Cdr | 19 Giu 2018
CONDIVIDI:

Editoria, il sottosegretario Crimi vede il Cdr di Askanews. Il 20 giugno incontro con la Fnsi

Su Facebook il racconto del primo impegno ufficiale nella nuova veste: «Ho voluto dedicarlo ai rappresentanti delle lavoratrici e dei lavoratori di un'agenzia di stampa che sta attraversando un momento di dura crisi aziendale», scrive. Il comunicato del Comitato di redazione.
Un momento dell'incontro con il Cdr di Askanews (Foto: @vitoclaudiocrimi)

«Non vogliamo giornalisti amici, vogliamo giornalisti liberi». Così il sottosegretario all'editoria, Vito Crimi in un post su Facebook in cui racconta dell'incontro con il Cdr di Askanews. «È il mio primo incontro ufficiale in veste di sottosegretario e ho voluto dedicarlo ai rappresentanti delle lavoratrici e dei lavoratori di un'agenzia di stampa che sta attraversando un momento di dura crisi aziendale, dovuto anche a scelte insensate del precedente governo», scrive.

«Quando è svolta con correttezza, indipendenza e rispetto della verità, la professione giornalistica onora il fondamentale ruolo che riveste nell'informazione per il Paese. Le agenzie di stampa sono gli avamposti, le prime linee dell'informazione che raccolgono quel vastissimo tesoro di notizie in continua evoluzione dal quale redazioni, giornalisti ed editori possono attingere per informare i loro lettori», afferma il senatore Cinque stelle.

Domani Crimi incontrerà la Federazione Nazionale della Stampa Italiana: «Spero possa essere l'occasione per avviare un percorso comune che garantisca il pluralismo e l'indipendenza dell'informazione, nella tutela della professionalità degli operatori del settore», commenta il sottosegretario.

«È nostra intenzione valorizzare appieno la nobile professione del giornalismo, quella che non si piega al condizionamento di editori interessati, gruppi di potere e partiti di riferimento. I governi che ci hanno preceduto non hanno mosso un dito mentre l'Italia sprofondava nelle classifiche mondiali per la libertà di stampa. Le nostre scelte future avranno invece l'obiettivo di tutelare al meglio la professione di chi informa, liberandola dalle catene che la opprimono», conclude.

Cdr askanews ringrazia Crimi per attenzione su vertenza e comparto
Primo incontro ufficiale del sottosegretario all'editoria
Il Cdr di Askanews ringrazia il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega all’Editoria Vito Crimi per l’incontro di oggi, il primo impegno ufficiale dalla nomina. Si tratta di un segnale di vicinanza e di attenzione alla vertenza dell’agenzia che va avanti da quasi un anno e che ha costretto i giornalisti di Askanews ad accettare la cassa integrazione al 50% a partire dal 20 marzo scorso, dopo anni di sacrifici sostenuti dalla redazione. Una “dura crisi aziendale” che, come ha sottolineato Crimi, è dovuta “anche a scelte insensate del precedente governo” e, lo ricordiamo, alla decisione dell’azienda di puntare ad un taglio del costo del lavoro in una fase di difficoltà. Una posizione che dovrà essere duramente contrastata nella prossima fase di trattativa che si sta per aprire. Il Cdr apprezza e condivide l’attenzione ai lavoratori del settore e alla difesa delle “prime linee dell’informazione”, rappresentate dalle agenzie di stampa, e il richiamo fatto da Crimi alla tutela della professione. Siamo pronti a mantenere aperto il dialogo per una più organica strategia di settore e per continuare a dare garanzie al “baluardo” contro le fake news, che Askanews rappresenta insieme alle altre agenzie nazionali. (Askanews – Roma, 19 giugno 2018).

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più