Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Iniziative
Iniziative | 21 Apr 2018
CONDIVIDI:

Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, l'8 giugno nuovo presidio #NoiNonArchiviamo

«L'hanno uccisa gli italiani», dicono della giornalista del Tg3 due somali intercettati nel 2012 dalla polizia tributaria di Firenze. I nuovi documenti sono al vaglio degli inquirenti. Fnsi, Cnog, Usigrai, Cdr del tg3, Articolo21, NoBavaglio e Libera pronti a tornare davanti al tribunale di Roma in occasione della prossima udienza.
Luciana Alpi al presidio #NoiNonArchiviamo del 17 aprile scorso

«L'hanno uccisa gli italiani». Questo uno dei passi intercettati dalla polizia tributaria di Firenze durante una intercettazione, effettuata nel 2012, relativa alla conversazione tra due cittadini somali. Parlando dell'assassinio di Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, i due si mostrano particolarmente informati e tornano sulla pista italiana, una pista segnata, sin dall'inizio, da una lunga catena di omissioni e depistaggi.

La rivelazione si deve alla tenacia della trasmissione 'Chi l'ha visto' di Rai 3, condotta da Federica Sciarelli, e al lavoro rigoroso e appassionato di Chiara Cazzaniga che non hanno mai smesso di 'illuminare' la ricerca della verità e della giustizia.

«Siamo certi che queste novità saranno esaminate con la massima attenzione e consentiranno, già nella prossima udienza fissata per il prossimo 8 giugno, di riprendere un cammino troppe volte interrotto», commenta la Federazione nazionale della Stampa italiana.

Per queste ragioni Fnsi, Ordine nazionale, Usigrai, Comitato di redazione del Tg3, Articolo 21, NoBavaglio, Libera, il prossimo 8 giugno saranno di nuovo davanti al tribunale di Roma per accompagnare Luciana Alpi nel suo viaggio alla ricerca di una verità ancora negata.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più