CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
La Direzione generale Inps a Roma (Foto: ImagoEconomica/Fnsi)
Inps 23 Ott 2023

Irpef, l'Inps chiarisce l'aumento del prelievo fiscale

L'Istituto ha spiegato che l’innalzamento rilevato da alcuni giornalisti pensionati deriva da conguagli per Imposta sul reddito delle persone fisiche non versata nel 2022 e 2023.

Da verifiche effettuate, risulta alla Fnsi e all’Ungp che l’Inps ha provveduto ad un aggiornamento nell’abbinamento del Casellario Centrale dei Pensionati e che il maggior prelievo rilevato da alcuni giornalisti deriva da conguagli per Irpef non versata nel 2022 e 2023.

Pertanto, nel confermare la regolarità della procedura, lo stesso Inps ha rilasciato un avviso nell’area riservata, col quale si avverte che «il Casellario Centrale dei Pensionati ha provveduto a calcolare le ritenute fiscali per l’anno 2023, tenendo conto dei Suoi trattamenti pensionistici e delle detrazioni da Lei richieste. In attuazione, inoltre, a quanto disposto dall’art. 23, comma 3, del d.P.R. n. 600/1973 l’eventuale conguaglio a debito – dispone l’Inps - sarà recuperato sulla rata di pensione in pagamento a novembre 2023 fino a capienza. Qualora il rateo di pensione mensile non sia sufficientemente capiente per il recupero integrale del suddetto conguaglio si procederà al recupero del residuo debito fino al definitivo saldo».

@fnsisocial

Articoli correlati