Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Ordine
Ordine | 09 Set 2020
CONDIVIDI:

Ordine dei giornalisti nel caos, in 4 si dimettono dall'esecutivo: «Inaccettabili manovre per impedire le elezioni»

«La decisione, votata a stretta maggioranza, di chiedere nuovamente al ministero della Giustizia una valutazione sull'opportunità del rispetto delle scadenze di fronte all'opposizione manifestata da soli tre ordini regionali su venti rappresenta un atto di inerzia e di indecisionismo non giustificabile», spiegano Elisabetta Cosci, Guido D'Ubaldo, Nadia Monetti e Andrea Ferro.
Odg nel caos, in 4 si dimettono dall'esecutivo: «Inaccettabili manovre per impedire le elezioni»

«Il rispetto della legalità è la prerogativa di un ente pubblico. Non dare seguito in maniera ferma all'adempimento delle scadenze elettorali ci impone l'obbligo e la responsabilità di assumere una decisione sofferta ma ineludibile nei confronti dei colleghi e dei principi democratici propri di un organo di rappresentanza». Lo scrivono Elisabetta Cosci, Guido D'Ubaldo, Nadia Monetti e Andrea Ferro nella lettera con cui comunicano al presidente dell'Ordine dei giornalisti, Carlo Verna, le dimissioni dal Comitato esecutivo del Consiglio nazionale.

«La decisione – spiegano – votata a stretta maggioranza, martedì 9 settembre dall'esecutivo, di chiedere nuovamente al ministero della Giustizia una valutazione sull'opportunità del rispetto delle scadenze di fronte all'opposizione manifestata da soli tre ordini regionali su venti, rappresenta un atto di inerzia e di indecisionismo non giustificabile».

Per questo motivo la vicepresidente Elisabetta Cosci, il segretario Guido D'Ubaldo, i consiglieri Nadia Monetti e Andrea Ferro hanno rassegnato le dimissioni da componenti del Comitato Esecutivo.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più