Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Iniziative
Iniziative | 29 Feb 2020
CONDIVIDI:

'Parole non pietre': giornalisti, studenti, artisti, istituzioni insieme contro i discorsi di odio

Seconda giornata di testimonianze e confronto nell'ambito della manifestazione promossa da Articolo21 con, fra gli altri, Fnsi, Usigrai e Ordine del Lazio. Il presidente Giulietti: «I giornalisti devono rispettare la Costituzione che vieta squadrismo, antisemitismo e ogni aggressione alle diversità».
Un momento della seconda giornata di "Parole non pietre"
Un momento della seconda giornata di "Parole non pietre"
Un momento della seconda giornata di "Parole non pietre"
Un momento della seconda giornata di "Parole non pietre"
Un momento della seconda giornata di "Parole non pietre"
Un momento della seconda giornata di "Parole non pietre"
Un momento della seconda giornata di "Parole non pietre"
Un momento della seconda giornata di "Parole non pietre"
Un momento della seconda giornata di "Parole non pietre"
Un momento della seconda giornata di "Parole non pietre"
Un momento della seconda giornata di "Parole non pietre"

Seconda giornata di incontri sul tema dell'informazione inclusiva e delle iniziative da intraprendere per promuovere una narrazione capace di costruire ponti e non muri nell'ambito della manifestazione "Parole non pietre" promossa dall'associazione Articolo21 con, fra gli altri, Fnsi, Usigrai e Ordine dei giornalisti del Lazio. Dopo gli incontri di venerdì 28 febbraio (leggi qui e qui) nella sala "Walter Tobagi" della Fnsi si sono ritrovati rappresentanti del sindacato, di Assostampa e Ordini regionali, di associazioni, scuole, istituzioni, direttori di giornali ed emittenti, politici, artisti: tutti insieme per una grande alleanza contro i discorsi di odio che inquinano la convivenza civile.

«I giornalisti – ha ribadito in apertura il presidente Giuseppe Giulietti – devono rispettare la Costituzione che vieta squadrismo, antisemitismo, le aggressioni alle diversità e istituisce il principio di uguaglianza tra le religioni, non discrimina tra opinioni politiche e tra i sessi. Il dovere dei giornalisti è ricordare la Costituzione contrastando chi usa le parole come pietre per uccidere la diversità».

Dopo il saluto di Roberto Natale, la Coordinatrice nazionale per la lotta contro l'antisemitismo, Milena Santerini ha illustrato la relazione "La piramide dell'odio in Italia", prodotta nella scorsa legislatura dalla commissione "Jo Cox", con particolare attenzione riguardo al fenomeno dell'antisemitismo e alla sua diffusione tramite web e social. Il commissario Agcom, Antonio Nicita, si è poi soffermato sulle iniziative messe in campo dall'Authority nel contrasto all'hate speech, spiegando che «il linguaggio dell'odio nelle trasmissioni televisive e nei media può essere sanzionato e va denunciato».

Spazio quindi alle testimonianze di Alessio Falconio, direttore di Radio Radicale, Marco Tarquinio, direttore di Avvenire e Andrea Monda, direttore de L'Osservatore Romano. Mentre Stefano Corradino, direttore di articolo21.org, ha letto il messaggio di saluto della ministra Lucia Azzolina e Renato Parascandolo ha presentato il concorso "Rileggiamo l'articolo 34 della Costituzione" rivolto agli studenti delle scuole.

L'assessora al Turismo della Regione Lazio Giovanna Pugliese ha presentato la campagna "Io non odio". Angelo Chiorazzo ha portato le testimonianze di alcuni ragazzi della comunità Auxilium. Federica Angeli ha raccontato la sua esperienza di giornalista sotto scorta. Anna Del Freo, segretaria generale aggiunta della Fnsi e componente del Comitato esecutivo della Federazione europea dei giornalisti, ha ricordato l'impegno del sindacato dei giornalisti, non solo in Italia.

Laura Boldrini ha approfondito il tema dell'odio in rete, ricordando la Carta dei diritti di Internet e il giurista Stefano Rodotà, e portato la sua esperienza di bersaglio degli odiatori online. Mimma Caligaris ha raccontato il lavoro della Commissione pari opportunità della Fnsi che ha portato alla stesura del Manifesto di Venezia per la corretta informazione sulla violenza di genere. Luca Perrino ha spiegato come è nata l'iniziativa della "panchina della memoria", realizzata da Cristina Visintini e donata dall'associazione Leali delle Notizie, che verrà inaugurata domenica 1 marzo al ghetto di Roma. I presidenti degli Ordini regionali e i rappresentanti delle Associazioni regionali di Stampa e dei circoli territoriali di Articolo21 hanno arricchito la giornata con gli spunti e le esperienze provenienti dai territori.

I partecipanti all'incontro hanno quindi lanciato un appello, insieme con Amnesty International, per la liberazione di Patrick Zaki, lo studente e attivista per i diritti umani in detenzione preventiva in Egitto dal 7 febbraio. Nel corso dell'incontro sono anche stati consegnati due riconoscimenti "alla carriera" al regista Giuliano Montaldo e al giornalista Vincenzo Mollica.

Una delegazione della Fnsi e di Articolo21, insieme con il direttore della Civiltà Cattolica, padre Antonio Spadaro, accolti dal segretario generale Abdellah Redouane, ha infine fatto visita alla Grande Moschea e al Centro Islamico Culturale d'Italia dove verrà promossa nei prossimi mesi una nuova tappa dell'iniziativa "Parole non pietre" perché, come ha ricordato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione dei 50 anni dal conferimento della Medaglia d'oro al valor militare al Comune di Stazzema, luogo dell'eccidio nazista del 12 agosto 1944, «il germe dell'odio non è sconfitto per sempre. Il timore del diverso, il rifiuto della differenza, la volontà di sopraffazione, sono sentimenti che possono ancora mettere radici, svilupparsi e propagarsi».

E dunque il contrasto all'odio e alle parole che lo alimentano deve essere un impegno costante.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più