Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Lavoro autonomo
Lavoro autonomo | 29 Lug 2020
CONDIVIDI:

Bonus Covid maggio, Adepp: «Le Casse private non hanno alcuna responsabilità nel ritardo»

L'associazione che raccoglie gli enti di previdenza dei professionisti italiani smentisce il deputato del M5S Giovanni Currò. Per poter procedere al pagamento, spiega, «manca il decreto interministeriale che definisca l'importo dell'indennità e la platea dei destinatari».
Alberto Oliveti, presidente Adepp (Foto: Ansa Professioni)

«L'Adepp, associazione che raccoglie tutti gli enti di previdenza privati italiani, smentisce categoricamente quanto affermato dal deputato del M5S Giovanni Currò a proposito dei bonus ai professionisti. In particolare non corrisponde al vero che le Casse dovessero firmare un protocollo d'intesa con i ministeri. Inoltre gli enti di previdenza privati sono stati velocissimi nell'aprire le domande, appena è stato loro consentito, e hanno pagato i bonus di marzo e aprile addirittura anticipando le somme con proprie risorse; per il mese di aprile attendono ancora il rimborso da parte dello Stato». Così l'Adepp, l'Associazione degli enti previdenziali privati, risponde a un'intervista rilasciata dal deputato pentastellato al sito Informazione fiscale.

«Per pagare il bonus di maggio, invece, manca – spiega l'Adepp – il decreto interministeriale che definisca l'importo dell'indennità e la platea dei destinatari. Più volte gli enti di previdenza dei professionisti hanno sollecitato questo decreto e ad oggi attendono ancora. Le Casse private, dunque, non hanno alcuna responsabilità nel ritardo». (Adnkronos)

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più