CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Da sinistra: Giulio Vasaturo, Rosaria Capacchione e Claudio Silvestri alla prima udienza del processo
Sentenze 29 Set 2021

Minacce a Saviano e Capacchione, depositate le motivazioni della sentenza: «Precisa strategia del boss»

Per il tribunale, che il 24 maggio ha condannato Francesco Bidognetti e l'avvocato Michele Santonastaso, «le frasi pronunciate e il contesto in cui furono pronunciate consente senz'altro di ritenere integrato il reato di minaccia avendo le stesse una chiara attitudine a intimorire».

«La condotta ascritta ai due imputati è inserita nel contesto di criminalità organizzata proprio della cosca dei Casalesi di cui Bidognetti era capo. La minaccia e l'intimidazione rivolta platealmente contro i due giornalisti fu espressione di una precisa strategia ideata dallo stesso capomafia, il cui interesse era quello di agevolare ed alimentare il potere di controllo sul territorio esercitato dal clan e di rafforzarne il potere. Pertanto il tribunale ritiene provato il dolo specifico di agevolazione dell'attività dell'associazione mafiosa da parte dei due imputati».

È quanto scrivono i giudici della Quarta sezione penale del Tribunale di Roma nelle motivazioni della sentenza dello scorso 24 maggio con cui, riconoscendo il reato di minacce aggravate dal metodo mafioso, hanno condannato il boss del clan dei Casalesi Francesco Bidognetti (1 anno e sei mesi) e l'avvocato Michele Santonastaso (1 anno e 2 mesi) per le minacce rivolte in aula durante il processo di appello 'Spartacus' a Napoli, nel 2008, alla giornalista Rosaria Capacchione e allo scrittore Roberto Saviano. Assolto invece l'altro avvocato Carmine D'Aniello.

Tra le frasi incriminate pronunciate in aula da Santonastaso si cita quella in cui l'avvocato aveva detto: «È solo un invito rivolto al signor Saviano e ad altri come lui, a fare bene il proprio lavoro e a non essere con la penna di chi è mosso da fini ben diversi rispetto a quello di eliminare la criminalità organizzata».

Per il tribunale «le frasi pronunciate e il contesto in cui furono pronunciate consente senz'altro di ritenere integrato il reato di minaccia avendo le stesse una chiara attitudine a intimorire».

Nel processo si erano costituiti come parte civile la Federazione nazionale della Stampa italiana, rappresentata dall'avvocato Giulio Vasaturo, e l'Ordine dei giornalisti della Campania. (Adnkronos)

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più