Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Iniziative
Iniziative | 13 Nov 2019
CONDIVIDI:

'Non uccidete l'informazione', Lorusso a Milano: «I prepensionamenti fini a se stessi non funzionano»

«Diamo atto al governo che il clima è cambiato, ma occorre valutare bene gli strumenti da mettere in campo: serve un tavolo al quale si confrontino tutti gli attori del sistema», ha detto il segretario Fnsi intervenendo all'incontro promosso dall'Associazione Lombarda dei Giornalisti. Il presidente Alg, Perucchini: «A rischio il pluralismo dell'informazione e la sua qualità».
Un momento dell'iniziativa 'Non uccidete l'informazione' (Foto: @SalvoDds)
Paolo Perucchini, con l'assessore al Lavoro della Regione Lombardia, Melania Rizzoli (Foto: @fabiobenati)

«È dal 2009 che gli editori utilizzano ininterrottamente i prepensionamenti, e questo significa una sola cosa: che è una misura che fine a se stessa non funziona». Lo ha detto, a Milano, il segretario generale della Fnsi, Raffaele Lorusso, intervenendo nel corso del dibattito pubblico sul futuro dell'editoria 'Non uccidete l'informazione' organizzato dall'Associazione Lombarda dei Giornalisti.

«Diamo atto al governo che il clima è cambiato – ha aggiunto – ma serve valutare bene gli strumenti da usare per intervenire sull'informazione: non basta ripartire da dove ci eravamo lasciati, serve un tavolo in cui il governo si confronti con tutti gli attori del sistema».

Per il presidente dell'Alg, Paolo Perucchini, «la crisi delle testate giornalistiche non ha solo risvolti economici, mette infatti a repentaglio un bene imprescindibile e tutelato dalla Costituzione, quello del pluralismo dell'informazione e della sua qualità».

Dall'assemblea è emersa forte anche la necessità di una mobilitazione senza precedenti.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più