Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Premi e Concorsi
Premi e Concorsi | 05 Mag 2020
CONDIVIDI:

Pulitzer, proclamazioni per la prima volta via web. Dana Canedy: «Il giornalismo non si è mai fermato»

Premiati, fra gli altri, il New York Times, che ha vinto nella sezione affari internazionali con servizi sulle interferenze in politica estera della Russia di Putin culminati nelle elezioni americane del 2016, e il Washington Post, per aver puntato i riflettori sugli effetti del cambiamento climatico.
Dana Canedy, amministratrice dei premi Pulitzer (Foto: pulitzer.org)

Corruzione aziendale, interferenze elettorali della Russia di Vladimir Putin, violenza sessuale e l'eredità della schiavitù sono i temi al centro delle inchieste giornalistiche che hanno fatto vincere a testate e reporter americani i premi Pulitzer del 2020 assegnati quest'anno per la prima volta su YouTube a causa del Coronavirus.

Ad annunciare i prestigiosi riconoscimenti a grandi testate come New York Times e Washington Post o piccoli giornali di provincia come il Palestine Gazette di Palestine in Texas è stata, dal salotto di casa, l'amministratrice dei premi Dana Canedy: «In tempi difficili come i nostri è più importante che mai far capire che il giornalismo non si è mai fermato nonostante coordinati sforzi di sabotare il lavoro».

I premi sono una tradizione dal 1917, l'anno prima dello scoppio della pandemia spagnola, come ha fatto notare la Canedy. Dovevano essere annunciati quest'anno il 20 aprile, ma il coronavirus ha costretto al rinvio.

Tra le inchieste premiate quest'anno, il New York Times ha vinto nella sezione affari internazionali con servizi sulle interferenze in politica estera della Russia di Putin culminati nelle elezioni americane del 2016. Il Washington Post ha conquistato la medaglia per aver puntato i riflettori sugli effetti del cambiamento climatico. E sempre al Times è andato un premio nella sezione considerata più prestigiosa, quella del giornalismo investigativo, per la maxi-inchiesta sulle irregolarità nell'industria dei taxi di New York. Nella categoria "interni" il Pulitzer è andato al Seattle Times per aver smascherato le scorciatoie adottate dalla Boeing nella produzione del B-737 Max, il jet protagonista di due catastrofiche tragedie del volo nel 2019.

La Reuters ha vinto per la fotografia con le immagini delle manifestazioni di Hong Kong, il New Yorker per la satira politica con la copertina che raffigura l'Attorney General William Barr e il capo del Senato Mitch McConnell che lustrano le scarpe a Donald Trump.

Premi anche per le arti: il Pulitzer per la Musica è andato a Anthony Davis per "Central Park Five" mentre Colson Whitehead è stato premiato per il romanzo Nickel Boys nella categoria "fiction". (Ansa)

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più