Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Internazionale
Internazionale | 19 Gen 2021
CONDIVIDI:

Turchia, la denuncia di Efj e Ifj: «Nei primi giorni del 2021 già aggrediti cinque giornalisti»

Le Federazioni europea e internazionale, assieme al sindacato turco di categoria, condannano gli episodi di violenza e fanno appello alle autorità nazionali affinché sull'accaduto siano condotte indagini approfondite e i responsabili vengano individuati e sanzionati.
Una manifestazione per la libertà di stampa in Turchia (Foto: @TGS_org_tr)

Nei primi 15 giorni del 2021 il Sindacato dei giornalisti turchi (Tgs) ha già registrato cinque attacchi fisici contro giornalisti in Turchia. La Federazione europea dei giornalisti (Efj) e la Federazione internazionale dei giornalisti (Ifj), assieme alla loro affiliata in Turchia, condannano questi attacchi e fanno appello alle autorità turche affinché sull'accaduto siano condotte indagini approfondite e i responsabili vengano individuati e sanzionati. È quanto si legge in un post pubblicato sul sito web della Efj.

In un tweet, il Sindacato dei giornalisti turchi ha condannato con forza gli attacchi e denunciato l'assenza di reazione del governo: «Cinque giornalisti e operatori dei media sono stati attaccati in 15 giorni. Non ci sono prese di posizione del governo né sanzioni da parte della magistratura. Questo incoraggia gli aggressori».

Per il segretario generale della Efj, Ricardo Gutiérrez, «questi atti di terrore che prendono di mira i giornalisti costituiscono intimidazioni che devono essere condannate con fermezza dalle autorità turche. Chiediamo un'indagine giudiziaria approfondita per identificare non solo gli autori, ma anche gli istigatori di queste aggressioni».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più