Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Appelli
Appelli | 05 Giu 2017
CONDIVIDI:

Verità per Andy Rocchelli, il presidente del parlamento ucraino rassicura l’Italia: «Le indagini proseguono»

Il tema sollevato durante un incontro tra la presidente della Camera e il suo omologo ucraino. «È molto importante per il nostro Paese che l'inchiesta possa far registrare dei progressi», ha detto Laura Boldrini, incassando l'impegno di Andriy Parubiy.
La stretta di mano tra il presidente del parlamento ucraino e la presidente Boldrini

La presidente della Camera dei deputati, Laura Boldrini, ha ricevuto a Montecitorio Andriy Parubiy, il presidente della Verkhovna Rada, il parlamento dell'Ucraina. Il colloquio ha preso le mosse dalle questioni dell'integrità territoriale del Paese: «L'Italia ha sempre condannato – ha ricordato la presidente Boldrini – l'azione illegale avvenuta ai danni di una parte del territorio ucraino, come ha ripetutamente fatto anche l'Unione europea».

L'Ue è il riferimento internazionale al quale l'Ucraina guarda con estremo interesse e va difeso dai tentativi di disgregazione – hanno concordato i due presidenti – messi in atto anche attraverso campagne di disinformazione a colpi di fake news.

Apprezzamento è stato espresso dalla presidente della Camera per la comunità ucraina che vive in Italia: «Si tratta di uomini e donne che hanno saputo conquistarsi la stima di tutti. In particolare le lavoratrici che operano nelle famiglie sono ormai parte del tessuto sociale italiano e contribuiscono al nostro welfare».

La presidente Boldrini ha posto inoltre la questione delle indagini sulla morte di Andrea Rocchelli, il fotoreporter italiano ucciso nel maggio 2014 insieme all'attivista russo per i diritti civili Andrei Mironov: «È molto importante per l'Italia – ha detto – che l'inchiesta possa finalmente far registrare dei progressi». Il presidente Parubiy ha assicurato che le indagini proseguiranno acquisendo nuove testimonianze e che sarà sua cura informarne la presidente.

L'incontro si è concluso con la firma del Memorandum d'intesa tra la Camera dei deputati e la Verkhovna Rada, che rafforza ulteriormente la cooperazione parlamentare tra le due assemblee, sia sul piano politico che su quello amministrativo. (Ansa – Roma, 5 giugno 2017)

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più