CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
La recente conferenza stampa organizzata per chiedere verità per Ilaria Alpi e Miran Hrovatin
Giornalisti 17 Feb 2017

Verità per Ilaria Alpi e Miran Hrovatin, la procura apre un fascicolo sulla gestione del falso testimone

La procura di Roma ha aperto un nuovo fascicolo sul caso degli omicidi dell'inviata del Tg3 Ilaria Alpi e dell'operatore Miran Hrovatin, avvenuti a Mogadiscio il 20 marzo 1994. Riguarda le presunte anomalie legate alla gestione del testimone (rivelatosi falso) Ahmed Ali Rage, detto Gelle.

La procura di Roma ha aperto un nuovo fascicolo sul caso degli omicidi dell'inviata del Tg3 Ilaria Alpi e dell'operatore Miran Hrovatin, avvenuti a Mogadiscio, in Somalia, il 20 marzo 1994. Riguarda le presunte anomalie legate alla gestione di un testimone, rivelatosi falso, Ahmed Ali Rage, detto Gelle, evidenziate dalla corte di Appello di Perugia che il 19 ottobre scorso, a conclusione del processo di revisione, ha assolto l'unico condannato, il somalo Hasci Omar Hassan.

Falso in atto pubblico, calunnia e favoreggiamento i reati ipotizzati, per il momento contro ignoti, nel fascicolo che il procuratore Giuseppe Pignatone ha affidato al sostituto Elisabetta Ceniccola, già titolare dell'inchiesta bis sul duplice omicidio.

A sollecitare l'avvio di accertamenti su quelli che hanno definito «depistaggi» anche Luciana Alpi, madre di Ilaria, e l'avvocato Domenico D'Amati. Quest'ultimo commenta con soddisfazione: «È un modo per continuare le indagini sulla morte di Ilaria e Miran nonché la conferma dell'impegno della procura di Roma nella ricerca dei colpevoli».

Il fascicolo prende spunto dall'esito della vicenda in cui è stato coinvolto Hashi Omar Hassan che, chiamato in causa dal connazionale Gelle, fu condannato in via definitiva a 26 anni di reclusione. Lo stesso Gelle, dopo essere scomparso nel nulla alla vigilia della sua deposizione in tribunale, fu a sua volta accusato di calunnia, ma venne assolto in via definitiva.

Rintracciato da "Chi l'ha visto" a Birmingham, in Inghilterra, Gelle ammise di aver dichiarato il falso, ossia che non si trovava sul luogo del duplice omicidio e di aver accusato Hassan in quanto «gli italiani avevano fretta di chiudere il caso». In cambio della sua testimonianza, Gelle avrebbe ottenuto danaro e la promessa di fargli lasciare la Somalia, dove la situazione sociale era tesissima.

Nelle motivazioni all'assoluzione di Hassan, i giudici di Perugia esprimono, tra l'altro, «sconcerto» sulle modalità di gestione del teste Gelle il quale, dopo aver reso le sue dichiarazioni accusatorie durante la fase delle indagini preliminari, sparì dalla circolazione nonostante il personale di Polizia lo tenesse “in custodia” in Italia e fosse stato foraggiato economicamente dall'ottobre al dicembre del 1997. (Ansa – Roma, 17 febbraio 2017)

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più