Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Giudiziaria
Giudiziaria | 20 Feb 2020
CONDIVIDI:

Aggressione a Maria Grazia Mazzola, ammessa la costituzione di parte civile della Fnsi

Nell'udienza preliminare il gup del Tribunale di Bari Giovanni Anglana ha inoltre ammesso come parti civili la giornalista del Tg1, la Rai, Comune di Bari, Libera e altre associazioni. Gli avvocati Francesco Paolo Sisto e Roberto Eustachio Sisto: «"Certificata" la fondatezza delle argomentazioni del sindacato».
Il tribunale di Bari

(ANSA) - BARI, 20 FEB - Il gup del Tribunale di Bari Giovanni Anglana ha ammesso la costituzione di parte civile della giornalista del Tg1 Maria Grazia Mazzola, di Rai, Associazione Stampa romana, Federazione nazionale della Stampa italiana (Fnsi), Comune di Bari, Ordine nazionale dei Giornalisti e Libera nell'udienza preliminare sull'aggressione con l'aggravante mafiosa del 9 febbraio 2018 ai danni della cronista Mazzola. La giornalista Rai sarebbe stata aggredita dalla pregiudicata 44enne Monica Laera, moglie del boss del clan Strisciuglio di Bari Lorenzo Caldarola e lei stessa condannata per mafia. Il giudice non ha ammesso come parti civili il Centro Antiviolenza Renata Fonte, dell'associazione Giraffa e dell'Unione delle Donne d'Italia (Udi).

Stando alla denuncia della vittima, documentata da video, e all'ipotesi accusatoria, l'imputata avrebbe minacciato la cronista e l'avrebbe colpita con un pugno al volto, in reazione alla richiesta di informazioni sui procedimenti penali a carico del figlio Ivan, all'epoca minorenne, mentre in quel momento all'interno dell'abitazione della famiglia Caldarola, nel quartiere Libertà di Bari (la giornalista era in strada), era allestita una camera ardente perché la stessa mattina era deceduta una familiare. Nel processo è imputata anche la 59enne Angela Ladisa, consuocera della Laera, accusata di oltraggio a pubblico ufficiale. Entrambe le imputate hanno chiesto di essere processate con il rito abbreviato. La discussione è fissata per l'udienza del 14 maggio.

All'esterno dell'aula di udienza si è tenuto anche oggi un presidio di solidarietà alla collega del Tg1. Nel pomeriggio Libera ha organizzato nell'Università di Bari un dibattito sul tema 'L'informazione libera dalle mafie', durante il quale sarà lanciata l'hashtag #fuorigiovanidallemafie. (ANSA)

«Il giudice con il proprio provvedimento ha "certificato" la fondatezza delle argomentazioni della Fnsi a sostegno della costituzione di parte civile così confermando, ancora una volta, la titolarità del sindacato in proprio e a sostegno dei giornalisti per la tutela della libertà di informazione e di manifestazione del pensiero», commentano Francesco Paolo Sisto e Roberto Eustachio Sisto, che assistono nel procedimento la Federazione nazionale della Stampa italiana.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più