Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Lavoro autonomo
Lavoro autonomo | 23 Apr 2020
CONDIVIDI:

Bonus Covid-19, Adepp: «Troppi professionisti esclusi dagli aiuti»

Alberto Oliveti, presidente dell'associazione che raccoglie gli enti di previdenza privati e privatizzati, lancia l'allarme: «Dal governo paletti irragionevoli». Sull'operatività delle Casse pesano anche le tasse sui sostegni stanziati in aggiunta all'intervento statale e le incertezze sull'arrivo dei fondi.
Il presidente Adepp, Alberto Oliveti

«Paletti irragionevoli, tasse sugli aiuti e incertezze sull'arrivo dei fondi. Sono questi gli ostacoli che stanno tagliando fuori dagli aiuti per Covid-19 decine di migliaia di professionisti. Un pasticcio normativo contenuto in uno degli ultimi decreti legge sull'emergenza coronavirus ha portato ad escludere dall'indennizzo statale di 600 euro chi ha già un piccolo trattamento pensionistico o è semplicemente iscritto a più di un ente di previdenza obbligatoria». È l'allarme lanciato dall'Adepp, l'associazione degli enti di previdenza privati italiani.

«La norma genera ulteriori disagi e diseguaglianze. Mentre a un figlio sostenuto dai genitori vengono dati 600 euro, a un orfano o una vedova vengono invece negati per il semplice fatto di percepire una pensione indiretta o di reversibilità di poche centinaia di euro. Analogamente chi riesce a vivere della propria professione è tutelato, mentre chi per arrivare a fine mese è costretto a fare due lavori, con due posizioni previdenziali diverse, non può ricevere i 600 euro», dice il presidente dell'Adepp, Alberto Oliveti, che invece ringrazia il ministero del Lavoro «per aver preso posizione a favore dei giovani chiarendo che chi ha cominciato l'attività nel 2019 e nel 2020 può comunque ricevere l'indennizzo statale, anche se nel 2018 non aveva ancora un reddito professionale».

Le Casse dei professionisti, fa sapere l'Adepp, si stanno attivando per versare ulteriori aiuti ai loro iscritti in difficoltà ma, se le norme fiscali non cambieranno, saranno tassati. «Per ogni mille euro che potremmo destinare ai professionisti, saremmo costretti a trattenerne almeno 200 da rigirare allo Stato. Siamo al paradosso di uno Stato che chiede una percentuale sugli aiuti che dovrebbe erogare lui stesso», spiega Oliveti.

Le Casse chiedono invece parità di trattamento con gli indennizzi statali erogati durante l'emergenza coronavirus, che sono esentasse come gli assegni sociali e altre prestazioni assistenziali veicolate dall'Inps. «Oltretutto le risorse delle Casse dei professionisti sono frutto del risparmio previdenziale degli iscritti, che è già tassato. Siamo arrivati a una sorta di anatocismo fiscale, con la pretesa di tasse sulle tasse, per giunta in un momento in cui siamo tutti richiamati alla solidarietà», aggiunge il presidente dell'Adepp.

Gli enti di previdenza dei professionisti attendono inoltre il rimborso di 200 milioni di euro per gli indennizzi relativi al mese di marzo che hanno già anticipato per conto dello Stato e lo stanziamento degli ulteriori fondi necessari per pagare i 600 euro a chi è rimasto fuori in prima battuta a causa dell'esaurimento del budget. «Le Casse sono anche pronte a versare gli ulteriori indennizzi che lo Stato vorrà prevedere per il mese di aprile, ma è necessario che le somme già liquidate vengano rimborsate. Noi – conclude Oliveti – siamo disponibili, ma lo Stato ha la responsabilità di ripristinare la liquidità».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più