Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Diffamazione
Diffamazione | 30 Ott 2019
CONDIVIDI:

Contrasto alle querele bavaglio, Fnsi: «No al tentativo di annacquare la proposta Di Nicola»

«Il tentativo di emendare il ddl nella parte in cui prevede la condanna del querelante ad una pena pecuniaria non inferiore alla metà del risarcimento richiesto al giornalista nasconde il tentativo di eliminare qualsiasi elemento di certezza nella determinazione della sanzione», lamentano Lorusso e Giulietti.
Il senatore Primo Di Nicola (Foto: @primodinicola)

«La battuta d'arresto subita dal disegno di legge sul contrasto alle querele bavaglio, che ha come primo firmatario il senatore del M5S Primo Di Nicola, non lascia presagire nulla di buono». Lo affermano, in una nota, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, segretario generale e presidente della Federazione nazionale della Stampa italiana.

«Vorremmo sbagliarci – aggiungono – e ci auguriamo di essere smentiti al più presto, ma il tentativo di emendare la proposta nella parte in cui prevede la condanna del querelante ad una pena pecuniaria non inferiore alla metà del risarcimento richiesto al giornalista nasconde il tentativo, trasversale a tutte le forze politiche, di eliminare qualsiasi elemento di certezza nella determinazione della sanzione per introdurre una discrezionalità assoluta da parte del giudice che non è detto possa sempre tradursi in condanne esemplari».

L'auspicio, concludono i vertici della Fnsi, «è che questo tentativo venga respinto e che il disegno di legge possa procedere speditamente verso l'approvazione, introducendo nel nostro ordinamento una misura di contrasto concreto delle querele e delle azioni di risarcimento danni temerarie, promosse esclusivamente per intimidire i giornalisti e, talvolta, anche gli stessi editori».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più