CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Cpo-Fnsi 28 Ott 2015

Giornaliste di Tg1 e Sky aggredite a Roma, la solidarietà della Cpo Fnsi

Due giornaliste aggredite mentre svolgevano il loro lavoro: due donne vittime di “episodi di violenza inaccettabili, e quasi sempre, quando rivolti alle giornaliste, accompagnati da odiosi insulti sessisti”, scrive la Cpo Fnsi nel ribadire alle colleghe la solidarietà e la vicinanza del sindacato.

Due giornaliste aggredite mentre svolgevano il loro lavoro: due donne vittime di “episodi di violenza inaccettabili, e quasi sempre, quando rivolti alle giornaliste, accompagnati da odiosi insulti sessisti”, scrive la Cpo Fnsi nel ribadire alle colleghe la solidarietà e la vicinanza del sindacato.

“Una giornalista del Tg1 aggredita, con la troupe, insultata e minacciata mentre faceva il suo lavoro a Ponte di Nona, periferia romana, teatro di un duplice omicidio. Aggressione fisica, con sputi e minacce, anche con un pitbull tenuto al guinzaglio, e insulti sessisti da parte di amici e parenti di una delle vittime. Insulti sessisti rivolti anche a una collega di Sky che era lì per lo stesso motivo: informare i cittadini su un grave fatto di cronaca. Episodi di violenza inaccettabili, e quasi sempre, quando rivolti alle giornaliste, accompagnati da odiosi insulti sessisti”.
Così la Commissione pari opportunità della Fnsi stigmatizza gli ultimi, purtroppo solo in ordine di tempo, episodi di violenza che hanno visto protagoniste due professioniste dell’informazione inviate in ‘zone difficili’ per raccontare ai cittadini quello che accade intorno a loro.
“La violenza nei confronti delle giornaliste, nell'esercizio del proprio lavoro, è in aumento, come denuncia – ricorda la Cpo Fnsi – il Gender Council della Federazione Internazionale dei Giornalisti (Ifj). È necessario illuminare ogni singolo episodio”.
“La Commissione Pari Opportunità della Fnsi – conclude la nota della Cpo – esprime solidarietà alle due colleghe e chiede alle forze dell'ordine di garantire la sicurezza dei giornalisti e delle giornaliste che lavorano in zone "a rischio".

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più