Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Appuntamenti
Appuntamenti | 22 Ott 2019
CONDIVIDI:

'Gli anni del Male: quando la satira è diventata realtà', la storica rivista in mostra a Roma dal 26 ottobre

Ad ospitare l'esposizione lo spazio WeGil di Trastevere. L'iniziativa, promossa dalla Regione Lazio, con il patrocinio della Fnsi, e organizzata da ManaFilms, in collaborazione con LazioCrea, è curata da Angelo Pasquini, Mario Canale, Giovanna Caronia e Carlo Zaccagnini, in collaborazione con 'Vincino' Gallo.
La locandina della conferenza stampa di presentazione della mostra

'Gli anni del Male 1978-1982 – Quando la satira è diventata realtà' è il titolo della mostra, in programma dal 26 ottobre 2019 al 6 gennaio 2020 al WeGil di Roma, la cui presentazione si terrà venerdì 25 ottobre (ore 11), che ripercorre i cinque anni di vita della storica rivista satirica. L'esposizione è promossa dalla Regione Lazio e organizzata da ManaFilms, in collaborazione con LazioCrea, e curata da Angelo Pasquini, Mario Canale, Giovanna Caronia e Carlo Zaccagnini, in collaborazione con 'Vincino' Gallo, ha ottenuto il patrocinio della Fnsi ed è realizzata in collaborazione con Rai Teche, Istituto Luce Cinecittà e Radio Radicale.

«Il Male – anticipano gli organizzatori – è stato la quintessenza del giornale cartaceo. Un giornale da esposizione. Un giornale illustrato da uno straordinario gruppo di disegnatori: da Andrea Pazienza a Vincino, da Sergio Angese a Roberto Perini, da Jacopo Fo a Tanino Liberatore, da Stefano Tamburini a Carlo Cagni. Il Male è stato anche lo specchio di un'epoca straordinaria per l'Italia, un'epoca di grande creatività ma allo stesso tempo di eventi terribili che hanno segnato il lavoro satirico del giornale: gli Anni di piombo tra le BR e l'omicidio Moro, il terrorismo nero, gli attentati, gli omicidi di stato, il delitto Pecorelli, la mafia, Andreotti, Sindona, Ambrosoli e la P2».

In mostra le gigantografie di quei 'falsi' dissacranti che, assieme a disegni per l'epoca altrettanto scandalosi, hanno reso famoso il giornale, ma hanno causato anche denunce e processi: «Il Male – commentano ancora gli organizzatori dell'esposizione – è stato forse il periodico più denunciato e sequestrato dal dopoguerra».

La mostra racconta poi i famosi happening del Male attraverso foto, video di repertorio e l'esposizione del 'busto di Andreotti', eseguito in marmo su disegno di Angese e di Vincino, alcune colossali caricature d'autore e una ricca raccolta di disegni originali.

Infine, una riproduzione della redazione fa rivivere l'atmosfera del giornale, «come se un'animata riunione fosse da poco terminata, tra macchine da scrivere, fogli accartocciati, pennarelli, portacenere colmi e pezzi di pizza, e l'ultimo ad uscire avesse appena spento la luce», conclude l'invito alla conferenza stampa di presentazione della mostra.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più