CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Vittorio Di Trapani, segretario generale aggiunto Fnsi e segretario Usigrai
Enti di categoria 24 Dic 2020

Inpgi, la 'garanzia pubblica' e la libertà

Vittorio Di Trapani, segretario generale aggiunto Fnsi e segretario Usigrai, interviene nel dibattito sul futuro dell'Istituto di previdenza. «Affidare la tenuta dei conti alla volontà del governo di turno - rileva - vuol dire consegnare al governo di turno una potente arma di pressione sulle scelte gestionali dell'Ente. Se dobbiamo essere i cani da guardia del potere, non possiamo noi consegnare il guinzaglio a quelli dei quali dovremmo essere i guardiani».

di Vittorio Di Trapani*

"Garanzia pubblica". Una definizione molto bella. Rassicurante. Che, però, rischia di essere fuorviante. Nel caso Inpgi, "garanzia pubblica" vuol dire: a fine anno il disavanzo di bilancio dell'ente di previdenza dei giornalisti viene ripianato con soldi presi dal bilancio dello Stato, ovvero dalle tasse di tutti i cittadini. Ho letto molte cose sulla crisi Inpgi. Ce n'è una che vorrei aggiungere. Per come si configura, la "garanzia pubblica" rischia di tradursi nella consegna della nostra autonomia, indipendenza, libertà, al governo di turno. Nostra come Inpgi. Nostra come sindacato federale e territoriale. Affidare la tenuta dei nostri conti alla volontà del governo di turno – anno per anno –, vuol dire consegnare al governo di turno una potente arma di pressione sulle scelte gestionali dell'Inpgi. Privandoci di fatto di ogni potere di decidere le nostre politiche previdenziali. Dato che poi per molte Associazioni di stampa regionali la tenuta dei conti dipende dal contributo servizi versato dall'Inpgi, la potente arma di pressione potrà essere utilizzata anche contro i sindacati regionali.

Insomma, è così difficile vedere che se i miei conti dipendono anno per anno dal governo, quel governo potrà decidere se aprire o stringere i cordoni della borsa in base alla maggiore o minore accondiscendenza da parte dei sindacati regionali?

Noi maneggiamo una risorsa molto preziosa, ovvero la libertà di stampa. E, per difenderla, il sindacato è stato chiamato in passato, e potrà essere chiamato in futuro,  a scelte molto dure, a mobilitazioni, scioperi. Anche nei confronti del governo di turno.  Penso – per esempio – alle leggi bavaglio, alle intercettazioni, all'equo compenso. Insomma, se siamo chiamati a dare attuazione e a difendere l'art.21 della Costituzione, non possiamo consegnare noi il rubinetto del nostro ossigeno al governo di turno. Se dobbiamo essere i cani da guardia del potere, non possiamo noi consegnare il guinzaglio a quelli dei quali noi dovremmo essere i guardiani.

*Vittorio Di Trapani è segretario generale aggiunto Fnsi e segretario Usigrai.

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più