CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Lega-l'Espresso, il giudice: «Sul caso dei 49 milioni nessuna diffamazione»
Diffamazione 24 Gen 2020

Lega-l'Espresso, il giudice dà ragione ai giornalisti: «Sul caso dei 49 milioni nessuna diffamazione»

Le conclusioni presentate negli articoli 'incriminati' «non si sono sostanziate in gratuiti ed ingiustificati attacchi al partito, né ai singoli rappresentanti», si legge nelle motivazioni del verdetto. Si è trattato invece «indiscutibilmente» di giornalismo di inchiesta su un caso di indubbio interesse pubblico.

Nessuna diffamazione ai danni della Lega Nord e dei suoi esponenti da parte dei giornalisti dell'Espresso sulla vicenda dei circa 49 milioni di euro sequestrati al partito a seguito della sentenza del tribunale di Genova del 24 luglio 2017. A dare la notizia è il settimanale diretto da Marco Damilano, che sul proprio sito web pubblica le motivazioni del verdetto depositate venerdì 24 gennaio.

Gli articoli considerati diffamatori dai querelanti, osserva il giudice per le indagini preliminari del tribunale di Velletri, sono il risultato dell'inchiesta portata avanti dai giornalisti che, «legittimamente scandagliando la realtà attraverso testimoni e documenti», sono arrivati a conclusioni che «non si sono sostanziate in gratuiti ed ingiustificati attacchi al partito Lega Nord, né ai singoli rappresentanti, idonei a lederne la reputazione».

Accogliendo la richiesta formulata dal pubblico ministero, il gip ha dunque disposto l'archiviazione del procedimento per diffamazione intentato da Matteo Salvini e da altri esponenti della Lega nei confronti dei giornalisti e del direttore del settimanale che, tra giugno e luglio 2018, si erano occupati del caso.

Un caso dall'«indubbio rilievo, stante l'interesse pubblico alla ricerca della verità conseguente agli scandali finanziari che hanno travolto il partito in questione», aggiunge il giudice. Quello dei giornalisti dell'Espresso, in sintesi, è stato «indiscutibilmente» giornalismo d'inchiesta, che secondo la Corte di Cassazione rappresenta 'l'espressione più alta e nobile dell'attività d'informazione'.

@fnsisocial

Articoli correlati