CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Raffaele Lorusso, segretario generale Fnsi
Istituzioni 28 Ott 2021

Manovra, Fnsi: «Passo in avanti per l'Inpgi, niente per l'occupazione»

«Se la salvaguardia delle prestazioni presenti e future rappresenta un risultato di cui dare atto al governo, che non ha ceduto alle pressioni per soluzioni che avrebbero penalizzato i giornalisti e cancellato l'Istituto, non lo stesso può dirsi per gli interventi ipotizzati per sostenere il settore», rileva il segretario Lorusso, che torna a chiedere all'esecutivo un tavolo permanente per l'editoria con le parti sociali.

«La soluzione ipotizzata dal governo per affrontare la crisi dell'Inpgi è un passo in avanti importante, ma non definitivo, verso il riordino del settore. La preferenza dell'esecutivo per una delle due soluzioni elaborate dal tavolo tecnico, anche grazie al lavoro fondamentale dei vertici dell'Inpgi, sgombra il campo dall'ipotesi di commissariamento e liquidazione dell’Istituto, che infatti non scomparirà». Lo afferma, in una nota, Raffaele Lorusso, segretario generale della Fnsi.

«Se la salvaguardia delle prestazioni presenti e future rappresenta un risultato di cui dare atto al governo, che non ha ceduto alle pressioni per soluzioni che avrebbero penalizzato i giornalisti e cancellato l'Inpgi – osserva Lorusso – non lo stesso può dirsi per gli interventi ipotizzati nello schema di legge di Stabilità per sostenere il settore. L'istituzione di un fondo per l'editoria, per il quale si prevede lo stanziamento di 230 milioni in due esercizi di bilancio, è una notizia positiva soltanto a metà. Manca completamente, infatti, il riferimento alla tutela e al rilancio del lavoro giornalistico, considerato che, stando alla bozza della norma, l'occupazione da sostenere sarebbe quella di non meglio identificati "giovani professionisti qualificati nel settore dei nuovi media". Un'impostazione inaccettabile che dovrà essere rivista. È impensabile finanziare con risorse pubbliche gli investimenti e la transizione al digitale delle imprese dei media senza prestare attenzione al lavoro dei giornalisti, sempre più precario e calpestato nei diritti fondamentali».

Per questa ragione, «la Fnsi – conclude il segretario generale – continua a chiedere la creazione di un tavolo permanente per l'editoria fra governo e parti sociali per affrontare compiutamente le criticità del settore e individuare politiche di rilancio dell’occupazione giornalistica e del mercato».

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più