Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Servizio pubblico | 17 Giu 2020
CONDIVIDI:

'Storie maledette', la Cpo Fnsi: «Sottovalutare la violenza svilisce le donne»

«Stereotipi, luoghi comuni, linguaggio provocatorio sono aggravanti pericolose e lesive della dignità e violano i principi del Manifesto di Venezia», lamentano le giornaliste dopo le polemiche sull'ultima puntata della trasmissione in cui Franca Leosini ha narrato la vicenda di Sonia Bracciale. Cpo Usigrai: «La Rai tenga fede agli impegni assunti nel contrasto alla violenza di genere».
Franca Leosini

«Stereotipi, luoghi comuni, linguaggio provocatorio sono una reiterazione della violenza, aggravanti pericolose e lesive della dignità della donna, ignorando i principi contenuti nel Manifesto di Venezia, che Franca Leosini dovrebbe conoscere e che, invece, dimentica e, sistematicamente disattende, sin dalla prima puntata del programma "Storie maledette", una reiterazione contro la quale la Rai è tenuta a intervenire». Con queste parole la Cpo della Fnsi denuncia «un racconto fazioso, una inaccettabile rivittimizzazione dell'intervistata, con espressioni che hanno il solo effetto di far apparire Sonia Bracciale come la responsabile del comportamento violento subito».

«Le domande, le espressioni, il tono, la negazione del termine 'femminicidio' perché considerato dalla conduttrice "brutto dal punto di vista lessicale" non si prestano a fraintendimenti» incalza la Cpo Fnsi che «condanna una sottovalutazione della violenza e di chi ne è vittima, una narrazione non neutrale, che svilisce le donne e, anche, chi, a vario titolo, ogni giorno si batte per contrastare ed eliminare il fenomeno».

Cpo Usigrai: «L'azienda tenga fede agli impegni assunti nel contrasto alla violenza di genere»
«La Rai mantenga gli impegni assunti in occasione dello scorso 25 novembre – Giornata internazionale contro la violenza sulle donne – e imprima su questo tema un salto di qualità in tutti i programmi e in ogni spazio informativo». È quanto chiede, in una nota, la Commissione Pari Opportunità dell'Usigrai.
«La cronaca – spiega la Cpo – anche quella giudiziaria, non è neutrale. Il modo di raccontarla ha effetti importanti sulla vita sociale e culturale di un Paese. Soprattutto se a raccontarla è il servizio pubblico in uno dei suoi programmi più seguiti. Come dimostrano una volta di più le polemiche sull'ultima puntata di 'Storie maledette', in cui l'autrice e conduttrice Franca Leosini ha narrato la delicata vicenda di Sonia Bracciale, accusata di essere la mandante dell'uccisione del marito denunciato per maltrattamenti».
A fare scalpore, aggiungono le giornaliste Rai, «i passaggi in cui la conduttrice si rivolge a Sonia Bracciale e le dice che 'è colpa sua se le ha rotto il naso, come di tutte le donne che non lasciano i mariti violenti', e ancora 'se la massacrava di botte qualche colpa l'aveva'».
Leosini ha chiarito, in una successiva intervista a Maria Corbi sulla Stampa, che non intendeva dire che la responsabilità della violenza subita è delle donne. Ha spiegato che quelle frasi non andavano prese alla lettera, che erano da considerare un consiglio più che un rimprovero e che erano state utilizzate in un «contesto colloquiale». Infine ha ricordato le sue battaglie, anche personali, e ha aggiunto di essere sempre stata dalla parte delle donne.
«Tutto chiarito, dunque? – chiede la Cpo Usigrai – Purtroppo no. Perché resta un modo di raccontare che, per l'appunto, può essere troppo facilmente frainteso e ferisce non soltanto le donne che vivono situazioni di violenza, ma tutte coloro che si impegnano quotidianamente per contrastare il fenomeno. Resta un linguaggio pieno di stereotipi, svilente dell'immagine delle donne, in netto contrasto con quanto previsto dal contratto di servizio. E dispiace che a utilizzarlo sia una conduttrice che è sempre stata dalla parte delle donne. Il fatto è che non bastano i buoni propositi, quando si conduce un programma del servizio pubblico. Servono rigore e rispetto delle regole».
Come giornaliste e giornalisti della Rai Servizio pubblico, conclude la Commissione Pari Opportunità, «ci sentiamo parte in causa. Visto che nel nostro contratto è stato inserito il Manifesto di Venezia che indica in modo chiaro come raccontare in modo corretto la violenza contro le donne. Chiediamo che l'azienda tenga fede a quanto i suoi vertici hanno affermato nella giornata del 25 novembre, impegnandosi nel contrasto alla violenza di genere davanti alla platea dei e delle dipendenti. Parole che abbiamo molto apprezzato. Purché non restino soltanto parole».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più