Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Anniversario
Anniversario | 23 Mag 2020
CONDIVIDI:

Strage di Capaci, Assostampa Siciliana: «Giornalisti pronti a continuare a svolgere il proprio dovere con onestà»

Questo 28° anniversario «è un giorno di silenzio forzato, senza manifestazioni e cortei a causa dell'emergenza coronavirus, che ha costretto la Fondazione Falcone a un programma minimo per ricordare il magistrato, la moglie Francesca Morvillo, gli uomini della scorta Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani. Ma forse è un silenzio necessario», rileva il sindacato regionale.
Il ricordo delle vittime della strage di Capaci (Foto: libera.it)

«Questo 23 maggio 2020, 28esimo anniversario della strage di Capaci, è un giorno di silenzio. Di silenzio forzato, senza cortei e manifestazioni a causa dell'emergenza coronavirus, che ha costretto la Fondazione Falcone a un programma minimo per ricordare oltre al magistrato e alla moglie Francesca Morvillo, gli uomini della scorta Antonio Montinaro, Rocco Dicillo e Vito Schifani. Ma forse di un silenzio necessario per richiamare, invece che con i discorsi, con i fatti la necessità di una lotta efficace, costante e condivisa contro tutte le mafie. E in questo senso i giornalisti siciliani sono al fianco delle istituzioni impegnate in prima linea nella difesa della legalità». Lo afferma la giunta regionale dell'Assostampa Siciliana, in una nota diffusa dal segretario Roberto Ginex.

«La lotta alla mafia e alla corruzione, come confermano le vicende anche degli ultimi giorni - si legge nella nota della segreteria regionale - spingono i giornalisti siciliani, che credono nei valori per i quali è caduto il giudice Giovanni Falcone con la moglie Francesca e gli uomini della scorta, ad essere pronti a continuare a svolgere il proprio dovere di informare con onestà e trasparenza i propri lettori. Se ognuno di noi compie davvero il proprio dovere, allora avremo onorato sinceramente la memoria sia dei caduti di Capaci che delle altre stragi mafiose, ma soprattutto quella dei nostri colleghi che negli anni sono stati uccisi proprio per aver fatto bene e fino in fondo i giornalisti».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più