Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Sentenze
Sentenze | 20 Feb 2020
CONDIVIDI:

Testata a Daniele Piervincenzi, la Cassazione: «Sussistono tutti i presupposti del metodo mafioso»

Depositate le motivazioni della sentenza con cui il 13 novembre 2019 i giudici della V sezione penale hanno confermato la condanna di Roberto Spada a sei anni per l'aggressione al giornalista e all'operatore Edoardo Anselmi avvenuta a Ostia il 7 novembre 2017. Riconosciuto in via definitiva alla Fnsi, quale parte civile, il ruolo di soggetto rappresentativo di tutti i giornalisti.
Il presidente Giulietti e Daniele Piervincenzi a Ostia il 16 novembre 2017

"Sussistono tutti i presupposti per l'affermazione della sussistenza dell'aggravante del metodo mafioso, essendo stato accertato che Roberto Spada si avvalse della forza di intimidazione promanante dall'associazione malavitosa imperante sul territorio, nota come clan Spada, ben presente alla mente dei giornalisti e bene nota agli abitanti del luogo, tant'è che alla stessa si fece riferimento ripetutamente nel corso dell'intervista, come soggetto collettivo in grado di influenzare le decisioni politiche assunte nell'ambito del quartiere». Lo scrivono i giudici della V sezione penale della Cassazione nelle motivazioni della sentenza con cui il 13 novembre scorso hanno confermato la condanna a sei anni con il riconoscimento dell'aggravante del metodo mafioso per Roberto Spada per la testata al giornalista della trasmissione Rai "Nemo" Daniele Piervincenzi e l'aggressione dell'operatore Edoardo Anselmi avvenuta il 7 novembre 2017.

Piervincenzi e Anselmi vennero aggrediti di fronte alla palestra di Roberto Spada, a Ostia, durante un'intervista sulla campagna elettorale nel X Municipio. Avvicinato per alcune domande sui presunti rapporti con Casapound nel municipio di Ostia, sciolto dopo l'inchiesta su Mafia Capitale, Spada colpì il giornalista con una violenta testata che venne immortalata dalla telecamera.

Per l'aggressione il 18 giugno 2018, dopo l'inchiesta portata avanti dal pm della Dda Giovanni Musarò, Roberto Spada e Ruben Nelson Del Puerto sono stati condannati in primo grado a sei anni di reclusione per violenza privata e lesioni aggravate con il riconoscimento dell'aggravante mafiosa. Condanna confermata poi in Appello per Spada. Stralciata, invece, la posizione del braccio destro, Ruben Nelson Del Puerto il cui processo è ancora in corso.

Con questa sentenza, la Fnsi, quale parte civile, si vede riconosciuto in via definitiva (e quindi con la forza del giudicato penale) il ruolo di soggetto rappresentativo di tutti i giornalisti, vittime del dovere di informazione.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più