CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Palazzo d'Orleans, sede della Presidenza della Regione Siciliana (Foto: assostampasicilia.it)
Associazioni 29 Ago 2022

L'ex sindaco di Messina contro i giornalisti, Fnsi e Assostampa Sicilia: «Inquietante uso dei social in chiave intimidatoria»

La condanna del sindacato dopo le esternazioni su Facebook del candidato alle elezioni regionali Cateno De Luca. «Un giudice deciderà, in questa storia, cos'è giusto e cos'è sbagliato. Ci sono molti modi per fare valere le ragioni di fronte a notizie che vengono ritenute errate. Non sono contemplate le offese».

«Un energumeno che sputa parolacce e offende le persone si aggira per la Sicilia. Si chiama Cateno De Luca. Al di là del folclore e della sguaiataggine fuori controllo del personaggio che non meriterebbe la nostra attenzione e nemmeno quella degli elettori, la sua intemerata contro i giornalisti e i loro organismi di rappresentanza concentrata in un video su Facebook pone una riflessione sull'utilizzo dei social in chiave intimidatoria e offensiva». Federazione nazionale della Stampa italiana e Associazione Siciliana della Stampa intervengono così dopo le esternazioni via social del candidato alle elezioni regionali siciliane.

«Nessun direttore di giornale, di testata televisiva o online – proseguono Fnsi e Assostampa – potrebbe mai pubblicare o mandare in onda un documento come quelli diffusi dall'ex sindaco di Messina pieni di contumelie, ingiurie, oltraggi, minacce, insulti, avvertimenti. A meno di volersi beccare, assieme all'editore, una querela e pagarne in solido le conseguenze. Invece, come profeticamente aveva intuito molti anni fa Umberto Eco, "i social media danno diritto di parola a legioni di imbecilli" senza che si riesca minimamente a creare un argine che, invece, dovrebbe scattare quando il livello delle offese sale fino a punte intollerabili e ingiustificabili».

Nel caso specifico, incalza il sindacato, «un filo di inquietudine sale quando a utilizzare come una clava i social è uno che aspira a guidare il governo regionale. Attaccare giornali e giornalisti in quel modo è tipico dei caudillos sudamericani, dei regimi integralisti, degli intolleranti senza gloria. Ci sono molti modi per fare valere le ragioni di fronte a notizie che vengono ritenute errate. Non sono contemplate le offese e le intimidazioni. Un giudice deciderà, in questa storia, cos'è giusto e cos'è sbagliato».

Ne ha avute anche per il sindacato regionale dei giornalisti, il raffinato De Luca. «Ha accusato – spiegano Fnsi e Assostampa Siciliana – il segretario Roberto Ginex di avere diramato un comunicato di solidarietà al collega Giacinto Pipitone, ma essendo in conflitto di interessi perché fa parte dello staff della comunicazione di Renato Schifani. Si segnala, però, che la nota era a firma della "segreteria di Assostampa". Ginex, infatti, giornalista precario, proprio per assumere l'incarico al fianco di Schifani, si era dimesso sabato scorso da segretario per ragioni di opportunità, nonostante nessuna norma o regolamento lo obbligasse a farlo».

Questa vicenda, conclude il sindacato dei giornalisti, «ancora una volta accende i fari, oltre che sulle aggressioni che i giornalisti subiscono quotidianamente anche da esponenti politici o pseudo tali, della precarizzazione di una professione che porta molti colleghi a dovere saltare da un incarico all'altro per portare a casa onestamente uno stipendio».

@fnsisocial

Articoli correlati