CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Il municipio di Bolzano (Foto: comune.bolzano.it)
Associazioni 04 Mag 2022

Bolzano, la denuncia del sindacato regionale: «Il Comune assume funzionari al posto dei giornalisti»

I rappresentanti locali della categoria, d'intesa con la Fnsi, manifestano la loro «netta opposizione alla conferma della decisione di smantellare l'ufficio stampa». Il sindaco Caramaschi, rilevano, «si è assunto la gravissima responsabilità dell'impoverimento della fondamentale funzione informativa della cittadinanza».

«Netta opposizione del sindacato dei giornalisti alla conferma della decisione del Comune di Bolzano di smantellare l'ufficio stampa che nel corso degli anni ha visto lavorare quattro giornalisti, ridotti ad uno, e di assumere al posto dei professionisti dell'informazione un funzionario amministrativo». Lo afferma una nota congiunta di Sindacato dei giornalisti del Trentino Alto Adige Journalisten Gewerkschaft, Assostampa Alto Adige, Gruppo Uffici Stampa del Trentino Alto Adige, d'intesa con la Fnsi.

«Il sindaco-giornalista Renzo Caramaschi – prosegue la nota – si è assunto la gravissima responsabilità dell'impoverimento della fondamentale funzione informativa della cittadinanza. Poiché se è vero che un giornalista iscritto all'albo è in grado, avendo un bagaglio di regole deontologiche da rispettare, di veicolare correttamente le informazioni sulle piattaforme social, ciò non può valere al contrario. Nel senso che un funzionario amministrativo, anche se addetto esclusivamente a gestire la pagina social del Comune, non potrà elaborare notizie giornalistiche ove ne emergesse la necessità».

Inoltre, incalzano i rappresentanti dei giornalisti, «tenuto conto che la Provincia Autonoma di Bolzano dispone di uno strumento contrattuale all'avanguardia in Italia con 4 profili professionali (laureati magistrali, triennali, diplomati e praticanti) che consentono all'amministrazione comunale, in un'ottica di buona gestione delle spese, di scegliere su misura la professionalità digitale confacente alle proprie esigenze, assumere un non giornalista per gestire i profili social del Comune di Bolzano non è il modo migliore per investire le risorse pubbliche. Su questo vigilerà con la massima attenzione il sindacato dei giornalisti» che, conclude la nota, «si riserva infine di denunciare per esercizio abusivo della professione giornalistica chi venisse incaricato di svolgere attività giornalistica non iscritto all'Albo dei giornalisti».

@fnsisocial

Articoli correlati