CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Un momento del Consiglio nazionale Fnsi
Consiglio Nazionale 05 Mag 2016

Consiglio nazionale, ok alla relazione del segretario. Entro l'anno il congresso sulle riforme statutarie

Il Consiglio nazionale della Fnsi, riunito oggi a Roma, ha approvato a larghissima maggioranza, con due astenuti e quattro voti contrari, la relazione del segretario generale Raffaele Lorusso. Fra i temi affrontati, il ruolo della Federazione nazionale della stampa italiana nelle battaglie per la libertà e per i diritti di tutti i giornalisti e per la dignità e il decoro della professione.

Il Consiglio nazionale della Fnsi, riunito oggi a Roma, ha approvato a larghissima maggioranza, con due astenuti e quattro voti contrari, la relazione del segretario generale Raffaele Lorusso.
Fra i temi affrontati, il ruolo della Federazione nazionale della stampa italiana nelle battaglie per la libertà e per i diritti di tutti i giornalisti e per la dignità e il decoro della professione.
«Soltanto in un quadro generale in cui vengano affermate e riconosciute le specificità e il rilievo costituzionale della professione giornalistica e del pluralismo dell’informazione è possibile affrontare i nodi strutturali del sistema. A cominciare dal contratto nazionale di lavoro, il cui rinnovo, al centro del negoziato con la Fieg, deve puntare alla definizione di un complesso di norme che assicurino diritti e tutele a tutti i giornalisti, a prescindere dai singoli comparti e dalle singole realtà aziendali, premessa necessaria per allargare il perimetro degli occupati», si legge nel documento.
La sfida della qualità e il rilancio dell’occupazione, attraverso la progressiva inclusione nell’area del lavoro dipendente dei giornalisti attualmente privi di diritti e di tutele perché ingabbiati in contratti atipici, devono essere i punti qualificanti del negoziato contrattuale.
Fondamentale è anche l’approvazione in tempi brevi della proposta di legge di riforma dell’editoria, necessaria per chiudere in fretta i processi di ristrutturazione aziendale ancora in atto e avviare una fase di rilancio del mercato e dell’occupazione.
Il Consiglio nazionale della Fnsi, in sintonia con il segretario generale, considera poi imprescindibile affrontare in sede parlamentare il problema della definizione di una normativa quadro che consenta di regolare i processi di fusione e concentrazione editoriale, alcuni dei quali già annunciati, salvaguardando il pluralismo dell’informazione, l’autonomia delle redazioni e i livelli occupazioni e garantendo la trasparenza degli assetti proprietari.
Pieno sostegno, inoltre, all’iniziativa dell’Usigrai, che ha presentato un esposto alla Corte dei Conti e alle autorità di garanzia contro il tentativo in atto nel servizio pubblico radiotelevisivo di togliere ai direttori delle testate giornalistiche i poteri previsti dal contratto nazionale di lavoro per trasferirli ad una sovrastruttura, la direzione editoriale, non prevista né dalle leggi né dal contratto, con il rischio di indebolire l’autonomia delle testate e dei giornalisti.
È altresì necessaria una riforma dell’Ordine nazionale dei giornalisti che, in linea con la proposta di legge attualmente in discussione in Parlamento, dia forma ad un’organizzazione professionale aderente alla realtà del mercato del lavoro e che assicuri rappresentanza a chi vive realmente di giornalismo.
Via libera, infine, alla riforma dello statuto della Fnsi, con il mandato a convocare entro l’anno il congresso statutario, secondo i deliberati congressuali, e ai bilanci consuntivo 2015 e preventivo 2016.
Un bilancio, quello del 2015, che chiude con un leggero avanzo (+1.962 euro) a conferma, pur nella contrazione delle entrate (-7,66% sul bilancio 2014), della linea di rigore e di riduzione generale dei costi di gestione, iniziata già negli esercizi precedenti, che ha consentito di eliminare disavanzi di bilancio strutturali e di garantire l'accumulo di riserve necessarie a fronteggiare futuri costi.
A motivare il calo delle entrate, in flessione dal 2011, è principalmente la riduzione delle quote federali e del contributo contrattuale, conseguenza della riduzione del numero dei lavoratori attivi generata dalla crisi del settore editoriale, mentre tra le voci delle uscite quelle che maggiormente hanno inciso sul bilancio 2015 si riferiscono agli oneri sostenuti per l'organizzazione e lo svolgimento del congresso di Chianciano (27-31 gennaio 2015). Dimezzate, infine, le spese per il funzionamento e l'attività della Giunta esecutiva (da 330mila euro del 2014 a 164mila euro lo scorso anno).
In calo anche il totale degli iscritti al sindacato dei giornalisti: poco meno di 20mila (19.653) con una diminuzione di 740 soci rispetto al 2014. «Una flessione - recita la relazione al bilancio stilata dal collegio dei revisori dei conti - che deve indurre gli organismi sindacali, sia a livello nazionale che a livello territoriale, ad una riflessione e ad una maggiore mobilitazione nella ormai indispensabile necessità di una campagna di sindacalizzazione dei colleghi».

@fnsisocial

Articoli correlati