Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Istituzioni
Istituzioni | 15 Mag 2020
CONDIVIDI:

Dl Rilancio, Fnsi: «Bene le misure di sostegno al settore e per la salvaguardia dell'Inpgi»

«Ora le aziende editoriali continuino a garantire informazione di qualità e a tutelare livelli occupazionali e retributivi», osserva il segretario Lorusso, soddisfatto anche del rinnovo del bonus per i lavoratori autonomi e precari che «è auspicabile - dice - possa essere erogato in tempi brevi».
Un momento della conferenza stampa di presentazione del Dl Rilancio (Foto: governo.it)

«Le misure previste dal governo nel decreto "Rilancio" per l'intera filiera dell'informazione sono incoraggianti e vanno nella direzione auspicata dalla Fnsi nel corso delle numerose interlocuzioni di queste settimane». Lo afferma Raffaele Lorusso, segretario generale della Federazione nazionale della Stampa italiana.

«Fra sgravi e crediti di imposta, viene riconosciuta un'importante boccata d'ossigeno alle imprese. Adesso – aggiunge – queste ultime sono chiamate a continuare a garantire informazione di qualità, essenziale e imprescindibile per l'opinione pubblica, come la fase di emergenza ha dimostrato, e a salvaguardare livelli occupazionali e retributivi».

Inoltre, prosegue il segretario Fnsi, «la proroga al 31 dicembre 2020 del termine per la messa in sicurezza dell'Inpgi e l'accredito dei contributi figurativi presso lo stesso Inpgi dei periodi di Cig in deroga con causale Covid applicati ai giornalisti rappresentano l'accoglimento di due istanze sostenute con forza dal sindacato dei giornalisti, su cui il governo ha dimostrato sensibilità e attenzione. Altrettanto importante è il rinnovo del bonus per i lavoratori autonomi e precari, la cui erogazione – conclude Lorusso – è auspicabile possa avvenire in tempi brevi».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più