CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Il segretario generale della Fnsi Raffaele Lorusso a Uno Mattina (Foto: @Unomattina)
Vertenze 04 Ago 2021

Gazzetta del Mezzogiorno, Lorusso: «Per riportare il giornale in edicola occorre accelerare la procedura fallimentare»

«È in gioco il pluralismo dell'informazione, oltre che il destino di 144 persone fra giornalisti, poligrafici e maestranze», rileva il segretario generale Fnsi ospite a Uno Mattina insieme con il Comitato di redazione del quotidiano che dal 2 agosto ha sospesole pubblicazioni.

«Per riportare in edicola la Gazzetta del Mezzogiorno occorre accelerare i tempi della procedura fallimentare». Lo ha detto il segretario generale della Fnsi, Raffaele Lorusso, ospite oggi a Uno Mattina insieme con il Comitato di redazione del quotidiano che dal 2 agosto ha sospeso le pubblicazioni.

«Occorre restituire al più presto alle comunità di Puglia e Basilicata il loro quotidiano di riferimento – ha osservato Lorusso –. È in gioco il pluralismo dell'informazione e il diritto dei cittadini ad essere informati, oltre che il destino di 144 persone fra giornalisti, poligrafici e maestranze. Per questo è auspicabile che, nel rispetto delle procedure di legge, il comitato dei creditori prima, cui spetta di valutare le due proposte concordatarie presentate, e il tribunale di Bari poi accelerino i tempi per consentire l'assegnazione della testata e la ripresa delle pubblicazioni».

I giornalisti della Gazzetta, dal canto loro, sono pronti a riprendere a lavorare e – ha auspicato il Comitato di redazione – si augurano di farlo prima possibile per riprendere il dialogo con i lettori, che in questi giorni hanno fatto pervenire numerose manifestazioni di vicinanza a tutti i lavoratori. (Ansa)

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più