CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Giornalisti in piazza a Bari per la Gazzetta del Mezzogiorno lo scorso 4 ottobre
Vertenze 08 Ott 2021

Gazzetta del Mezzogiorno, ok al concordato preventivo. Il sindacato: «Subito al lavoro per tornare in edicola»

Il tribunale di Bari ha omologato il piano proposto dalla società Ecologica Spa per il fallimento della Mediterranea Spa. Soddisfatte Fnsi e Associazioni di Stampa di Puglia e di Basilicata, che auspicano «un autentico e definitivo rilancio del giornale». Il Cdr: «Uno spiraglio di luce dopo anni di buio e sofferenze».

Il tribunale di Bari ha omologato il concordato preventivo proposto dalla società Ecologica Spa per il fallimento della Mediterranea Spa, società proprietaria della Gazzetta del Mezzogiorno. A dare la notizia è il Comitato di redazione che, in una nota, commenta: «Si tratta di uno spiraglio di luce per tutti i giornalisti della Gazzetta dopo anni di buio e sofferenze. Il provvedimento spazza via ogni incertezza e qualsiasi polemica, ora siamo pronti a lavorare con il nuovo editore per riportare in edicola il nostro giornale».

Soddisfazione per la notizia viene espressa da Federazione nazionale della Stampa italiana e Associazioni regionali di Stampa di Puglia e di Basilicata. «La decisione dei giudici fallimentari di Bari – dice il sindacato – consentirà, finalmente, la ripresa delle attività per tutti i lavoratori della Gazzetta del Mezzogiorno, collocati in cig a zero dallo scorso 1° agosto. Ora è tempo di mettersi al lavoro, con confronti stringenti e rapidi con il nuovo editore, per consentire al giornale di poter finalmente tornare in edicola dopo oltre due mesi di assenza. Una ferita nell'informazione di due regioni che non ha precedenti nella storia della prestigiosa testata e che, ci auguriamo, ora si trasformi in un autentico e definitivo rilancio del giornale».

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più