CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Il 28 gennaio 1994 la tragedia di Mostar. Il ricordo del sindacato (Foto: @FondazLuchetta)
Anniversario 27 Gen 2021

Il 28 gennaio 1994 la tragedia di Mostar. Il ricordo del sindacato

«Un dolore che dopo 27 anni non si placa innanzitutto per le mogli, le figlie e i figli che ormai sono donne e uomini cresciuti nel ricordo di Marco Luchetta, Alessandro Ota e Dario D'Angelo, inviati della Rai in Bosnia per un servizio sui bambini della ex Jugoslavia», scrive il presidente dell'Assostampa Fvg, Carlo Muscatello, alla vigilia dell'anniversario.

di Carlo Muscatello*

Dicono sempre che in certi casi il tempo, con il suo scorrere inarrestabile, è l'unica medicina. Ma per le famiglie dei colleghi caduti a Mostar il 28 gennaio 1994 probabilmente non c'è medicina, il ricordo fa ancora terribilmente male.

Un dolore che dopo ventisette anni non si placa innanzitutto per le mogli, le figlie e i figli che ormai sono donne e uomini cresciuti nel ricordo di Marco Luchetta, Alessandro "Saša" Ota e Dario D'Angelo, inviati della Rai del Friuli Venezia Giulia in Bosnia per un servizio sui bambini della ex Jugoslavia.

Un dolore ancora presente anche per gli amici, i colleghi, la Rai, la città di Trieste, il sindacato dei giornalisti.

Per questo motivo l'Assostampa Fvg, assieme alla Fnsi, all'Usigrai, all'Ordine dei giornalisti del Friuli Venezia Giulia, onora anche oggi il ricordo dei colleghi caduti a Mostar quel giorno di gennaio.

Poche settimane dopo, a Mogadiscio, il 20 marzo 1994, venivano assassinati anche la giornalista del Tg3 Ilaria Alpi e l'operatore triestino Miran Hrovatin. Sembrava un incubo, una maledizione da cui si doveva tentare di uscire reagendo, facendo qualcosa, piantando un seme di pace, creando un'iniziativa di speranza per guardare al domani.

E proprio all'indomani di quei drammatici fatti si è costituita a Trieste la Fondazione Luchetta Ota D'Angelo Hrovatin, che accoglie e sostiene i bambini affetti da malattie non curabili nei loro Paesi d'origine. Da allora la Fondazione ha ospitato tantissimi bambini e i loro familiari provenienti dall'Africa, dall'Asia, dal Sud America, dall'Europa orientale e dalla penisola balcanica. Paesi nei quali era impossibile garantire le cure adeguate per quei bimbi, che a Trieste hanno trovato assistenza e cure.

Pace, solidarietà, speranza. Valori universali da riaffermare con forza anche in questi tempi tenuti in ostaggio dal virus che ci è dato vivere.

*Carlo Muscatello è il presidente dell'Associazione della Stampa del Friuli Venezia Giulia.

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più