CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Bruno Vespa (foto: wikipedia.org)
Servizio pubblico 06 Apr 2016

Il figlio di Riina a "Porta a Porta", Fnsi e Usigrai: «Intervengano i vertici Rai»

Desta scalpore la presenza del figlio di Totò Riina come ospite della trasmissione di Bruno Vespa. «Dopo i Casamonica, stasera a “Porta a Porta” la famiglia Riina. La Rai Servizio Pubblico non può diventare il salotto di famiglie criminali», commentano Fnsi e Usigrai, che poi incalzano: «Avremmo preferito una puntata dedicata a “Io non taccio”, scritto da 8 colleghe e colleghi minacciati». Il sindacato chiede poi un intervento dei vertici Rai «altrimenti il loro silenzio sarà colpevole condivisione».

«Dopo i Casamonica, stasera a “Porta a Porta” la famiglia Riina. La Rai Servizio Pubblico non può diventare il salotto di famiglie criminali. Chi strumentalmente vuole invocare presunte volontà censorie, ci dica perché non si dedica almeno lo stesso spazio alle giornaliste e ai giornalisti minacciati, o addirittura sotto scorta, a causa proprio di quelle famiglie». Lo affermano in una nota il segretario generale e il presidente della Fnsi, Raffaele Lorusso e Giuseppe Giulietti, e il segretario dell’Usigrai, Vittorio Di Trapani.
«Piuttosto che al libro del figlio di Riina – proseguono – noi avremmo preferito una puntata dedicata a “Io non taccio”, scritto da 8 colleghe e colleghi minacciati. I vertici Rai intervengano. Altrimenti il loro silenzio sarà colpevole condivisione, come quella sullo spazio affidato a Luigi Bisignani in prima serata su Rai2».

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più