CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Il presidente Mattarella a Trento (Foto: @Quirinale)
Appuntamenti 16 Lug 2021

Laurea ad Antonio Megalizzi, Mattarella: «Il suo era desiderio di comprendere e far comprendere»

Il presidente della Repubblica e il presidente del Parlamento Ue a Trento per il riconoscimento al giornalista rimasto ucciso a 29 anni nell'attentato terroristico ai mercatini di Natale di Strasburgo nel dicembre 2018. Sassoli: «Con il suo lavoro alimentava ogni giorno il sogno europeo».

«Quella di Antonio per l'Europa non era semplice curiosità, era il desiderio, l'attitudine, il progetto di comprendere e di far comprendere. La consapevolezza dell'importanza dello spirito critico nel confronto di opinioni» e «questa attitudine era particolarmente riversata nei confronti dell'Unione europea, di questo grande storico processo che è in corso è che sta realizzando in Europa una condizione unica al mondo di pace e collaborazione, di tutela dei diritti e della democrazia, che è la base, l'anima dell'Unione europea». Lo ha detto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, alla cerimonia di conferimento della laurea magistrale a titolo d'onore in European and International Studies ad Antonio Megalizzi, a Trento.

La cerimonia, ha aggiunto il capo dello Stato, «è la dimostrazione di una grande sensibilità che ha grande valore civile e morale, come hanno grande valore civile e morale gli impegni degli amici di Antonio Megalizzi, che ne coltivano l'impegno e le idee e le sviluppano. Così come ha grande significato ed è commovente che le persone più vicine che gli hanno voluto più bene in maniera intensa e particolare, abbiano animato la Fondazione che reca il suo nome».

A Trento anche il presidente del Parlamento Ue, David Sassoli, mentre il commissario europeo Paolo Gentiloni e l'eurodeputato Antonio Tajani hanno inviato un messaggio.

«Antonio era una persona che credeva fortemente nel sogno europeo e lo alimentava ogni giorno con il suo lavoro. Il suo obiettivo era infatti quello di far conoscere a milioni di ragazze e ragazzi le opportunità dell'Europa, di stimolare dibattiti, di aprirsi al confronto con l'altro», ha detto il presidente Sassoli.

«Ci avrebbe aiutato – ha aggiunto – a trasmettere ai giovani il messaggio che lo stile di vita europeo è ammirato nel mondo, che dobbiamo migliorare ma non sottovalutare mai la straordinaria storia di successo dell'Unione europea. Di fronte all'intolleranza, all'odio e alle minacce terroristiche, alle ingerenze straniere, alle sfide nuove che ci presenta il mondo globale, Antonio ci avrebbe ricordato che l'Europa è il nostro destino, o come amava ripetere, "la vera chiave del nostro futuro"».

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più