Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Vertenze
Vertenze | 18 Mar 2020
CONDIVIDI:

L'Unità, la denuncia dei giornalisti: «Per noi né stipendio né sussidi». Fnsi: «Vicenda paradossale»

«Speravamo nel 'Cura Italia' ma non c'è nulla. Siamo esclusi da qualsiasi fattispecie del decreto», spiega Massimo Solani del Cdr. Lorusso: «Auspicabile che si possano attivare le dovute interlocuzioni istituzionali per mettere l'azienda di fronte alle proprie responsabilità».
L'Unità, la denuncia dei giornalisti: «Per noi né stipendio né sussidi. Speravano nel 'Cura Italia'»

Senza stipendio, senza contributi e senza sussidio di disoccupazione. È la situazione in cui si trovano 26 giornalisti dell'Unità, di proprietà della Piesse, che ha ormai cessato le pubblicazioni, ma che non ha ancora licenziato i suoi dipendenti. Il Cdr sperava che nel decreto 'Cura Italia' ci fossero misure per venire incontro alla loro situazione, ma ora teme che con lo stop ai licenziamenti finiscano paradossalmente per essere penalizzati.

«Siamo esclusi da qualsiasi fattispecie del decreto – spiega Massimo Solani del Cdr dell'Unità -. A dicembre 2019 è finita la cassa integrazione e siamo rientrati sotto l'ombrello dell'azienda. Da allora non ci pagano gli stipendi, non ci pagano contributi e non ci licenziano. Avevamo sperato che in questo decreto ci fosse qualcosa per i giornalisti in difficoltà, ma non c'è nulla. Non possiamo accedere in nessun modo a nessuna delle misure prese. Anzi, abbiamo fatto partire i decreti ingiuntivi per mancati pagamenti pregressi ed ora, con il blocco dei tribunali, non possiamo neanche portarli avanti».

«È vergognoso il comportamento dell'azienda, che non ha neanche dato la disponibilità a presentarsi al ministero del Lavoro – dice ancora Solani –. Lo ritengo lesivo della nostra professionalità e dignità umana e per questo siamo pronti a portare avanti ogni iniziativa nei confronti dell'azienda e dei suoi dirigenti».

I giornalisti de l'Unità – fanno sapere dall'azienda – all'inizio di gennaio 2020 hanno rifiutato al ministero del Lavoro e delle politiche sociali un anno ulteriore di cassa integrazione in deroga che Unità srl, col parere favorevole del ministero, aveva trovato all'interno del decreto Genova. I giornalisti in quella sede hanno deciso di rifiutare quella opportunità, a differenza dei poligrafici. L'azienda precisa che come sempre resta disponibile a trovare una soluzione ad iniziare dal chiedere una nuova cassa integrazione qualora i giornalisti fossero disponibili. (Ansa)

Fnsi: «Vicenda paradossale che chiama in causa le responsabilità dell'azienda»
«La vicenda dei giornalisti dell'Unità, attualmente privi di qualsiasi fonte di reddito, chiama in causa le responsabilità dell'azienda. I giornalisti – afferma Raffaele Lorusso, segretario generale della Fnsi – sono a tutti gli effetti dipendenti dell'Unità srl, ma il giornale non viene pubblicato, non viene loro consentito di lavorare e non percepiscono le retribuzioni da alcuni mesi. Il tentativo dell'azienda di accedere ad un nuovo periodo di cassa integrazione si è rivelato impraticabile sotto il profilo contrattuale e previdenziale. L'editore non procede neanche ai licenziamenti collettivi perché, forse, non vuole pagare le relative indennità, ma nel frattempo impedisce ai giornalisti di accedere a qualsiasi fonte di reddito».
Una vicenda paradossale, aggiunge Lorusso, «che meriterebbe una valutazione sotto vari profilli di legittimità e di merito, non escluso quello penale. È comunque auspicabile che, pur in una fase così complessa, si possano attivare le dovute interlocuzioni istituzionali per mettere l'azienda di fronte alle proprie responsabilità e consentire ai giornalisti di ottenere una qualche misura di sostegno al reddito».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più