CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
La copertina del Media Pluralism Monitor 2021 (Foto: @EUI_CMPF)
Internazionale 20 Lug 2021

Pluralismo dei media, studio Ue: «Libertà di informazione in declino in tutta Europa»

Pubblicata l'edizione 2021 del monitoraggio condotto dall'Istituto universitario europeo. Preoccupa l'aumento di attacchi fisici, minacce e molestie ai giornalisti. E anche «le condizioni economiche di lavoro continuano a peggiorare, in particolare tra i freelance», precisa la relazione.

«Una stagnazione generale o un deterioramento del pluralismo e della libertà dei media in tutti gli Stati membri dell'Ue, così come nei Paesi candidati, Albania, Montenegro, Serbia, Repubblica di Macedonia del Nord e Turchia» viene segnalato dal Centro per il pluralismo e la libertà dei media, presso l'Istituto universitario europeo, nella sua relazione annuale, Media Pluralism Monitor.

«I risultati – si legge in una nota – confermano le tendenze degli anni precedenti». In particolare preoccupa «la sicurezza dei giornalisti, con diversi Paesi che segnalano un aumento degli attacchi fisici, di minacce e molestie online».
L'Osservatorio presenta inoltre un quadro di generale declino in Europa «per quanto riguarda la protezione della libertà di espressione e la protezione del diritto all'informazione».

Ma anche «le condizioni economiche di lavoro dei giornalisti continuano a peggiorare, in particolare tra i freelance ed i giornalisti indipendenti». (Ansa)

PER APPROFONDIRE
I risultati del Media pluralism monitor 2021 sono disponibili a questo link.

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più