Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Associazioni
Associazioni | 11 Dic 2019
CONDIVIDI:

Pomezia, il sindaco attacca via social la giornalista Moira Di Mario. La solidarietà del sindacato

La collaboratrice del Messaggero insultata dopo aver riportato la notizia relativa al pronunciamento della Corte dei Conti sulle indennità per gli amministratori cittadini. «Siamo alle solite: guai a disturbare i manovratori», commenta Stampa Romana nell'esprimere vicinanza alla collega.
Pomezia, la torre civica e il municipio (Foto: it.wikipedia.org)

«Al sindaco di Pomezia dà fastidio che si scrivano cose a lui non gradite. Così usa i social, tanto cari al Movimento 5 Stelle del quale fa parte, per accusare la collega Moira Di Mario, collaboratrice del Messaggero, la quale ha semplicemente riportato la notizia relativa al pronunciamento della Corte dei Conti sulle indennità per gli amministratori di Pomezia». È quanto denuncia, in una nota, la segreteria dell'Associazione Stampa Romana.

«Il sindaco Adriano Zuccalà – spiega il sindacato regionale – insulta la collega dandole persino dell'ignorante, 'suggerisce' cosa andrebbe scritto e cosa non a suo parere, oltre ovviamente a minacciare ritorsioni legali. Siamo alle solite: guai a disturbare i manovratori. Non basta nemmeno più riportare ciò che è scritto in un parere della Corte dei Conti. Il sindaco di Pomezia preferisce, probabilmente, i 'copia e incolla' dei comunicati che invia. Troppo comodo».

Il sindacato esprime vicinanza «alla collega Moira Di Mario, che da anni racconta il territorio a sud di Roma con grande professionalità, e a tutti i giornalisti che in provincia svolgono un servizio prezioso, reso ancora più difficile dalla precarietà».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più