Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Giudiziaria
Giudiziaria | 13 Gen 2021
CONDIVIDI:

Processo 'Rinascita Scott', Fnsi e Usigrai: «Sbagliato non autorizzare le riprese»

«I cittadini hanno diritto a essere informati», rileva il sindacato, che giudica «inaccettabile» la motivazione delle restrizioni Covid-19 e osserva: «Sarebbe bastato, come in altri procedimenti, autorizzare le riprese da parte di un operatore con l'obbligo di fornire le immagini a tutte le altre tv».
Da sinistra: Giuseppe Giulietti, Raffaele Lorusso e Vittorio Di Trapani

«È il più grande processo alla 'ndrangheta. I cittadini hanno diritto a essere informati. Per questo è sbagliata la decisione del giudice, che così impedirà una completa documentazione del processo Rinascita Scott che vede imputate oltre 300 persone». Questa la presa di posizione di Federazione nazionale della Stampa italiana e Usigrai contro la mancata autorizzazione alle riprese audio-video durante le udienze del procedimento che si sta celebrando a Lamezia Terme.

«La motivazione delle restrizioni Covid-19 – sottolinea il sindacato – è inaccettabile. Sarebbe bastato, come in altri procedimenti, autorizzare le riprese da parte di un operatore, ad esempio la Rai come servizio pubblico, con l'obbligo di fornire le immagini a tutte le altre tv italiane ed estere. Ci auguriamo che questa decisione venga rivista e si consenta quindi ai cittadini di conoscere fino in fondo ciò che avverrà in un processo storico che riguarda la lotta alla criminalità organizzata nel nostro Paese».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più