CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
I genitori di Andrea Rocchelli (Foto: Archivio)
Sentenze 04 Nov 2020

Processo Rocchelli, assolto in appello Vitaly Markiv. Fnsi e Alg: «Continuare a cercare verità e giustizia»

Ribaltata la sentenza di primo grado dei giudici del tribunale di Pavia, che avevano condannato il 31enne soldato italo-ucraino a 24 anni di carcere per l'omicidio del fotoreporter pavese. «Il nostro impegno al fianco della famiglia di Andy non solo non cessa, ma raddoppierà», anticipa il sindacato.

Vitaly Markiv, 31 anni, soldato italo-ucraino della Guardia nazionale, accusato dell'omicidio del fotoreporter pavese Andy Rocchelli, ucciso il 24 maggio 2014 mentre stava documentando quanto accadeva nel Donbass, in Ucraina, è stato assolto «per non aver commesso il fatto» dai giudici della prima corte d'Assise d'appello di Milano, presieduta da Giovanna Ichino. In primo grado era stato condannato a 24 anni di carcere. La corte ha pronunciato il verdetto dopo quasi sei ore di camera di consiglio accogliendo la richiesta della difesa. Le motivazioni della sentenza saranno rese note tra 90 giorni. Markiv, detenuto a Opera, può ora tornare in libertà.

«Dal momento che l'unico imputato è stato assolto è facile dedurre che gli assassini di Andrea Rocchelli siano ancora in libertà. Dunque il nostro impegno a continuare a essere parte civile al fianco della famiglia Rocchelli non solo non cessa, ma raddoppierà fino a quando non saranno fatte verità e giustizia», rilevano la Federazione nazionale della Stampa italiana e l'Associazione Lombarda dei Giornalisti, che si erano costituite parte civile al processo.

«Per quanto ci riguarda – aggiunge il sindacato – la richiesta di verità e giustizia per Andy Rocchelli e Andrej Mironov, come per ogni altro cronista finito nel mirino, non sarà mai archiviata né nei tribunali né nelle coscienze. Ci auguriamo che dopo questa sentenza cessino le ingiurie arrivate dall'Ucraina e non solo contro Andy e la sua famiglia».

Fnsi e Alg rivolgono, infine, «un ringraziamento agli avvocati dello studio Pisapia che hanno assistito il sindacato in questo processo e ai quali chiederemo di essere ancora con noi in qualunque iniziativa sarà decisa dalla famiglia Rocchelli».

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più