Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Associazioni
Associazioni | 15 Feb 2020
CONDIVIDI:

Provincia di Como, giornalisti contro l'"editto" del direttore. Alg: «Al fianco dei colleghi»

"Le esigenze personali e familiari sono secondarie e del tutto irrilevanti rispetto alle priorità aziendali", scrive Diego Minonzio in un ordine di servizio sulla fruizione delle ferie. Il Cdr: «Inaccettabile. Occorre chiarire le regole di convivenza elementari con i dipendenti di questo giornale».
Provincia di Como, è bufera dopo l'ordine di servizio del direttore sulle ferie

«Ora che l'organico de La provincia di Como, (ex) Lecco e Sondrio è stato ridotto drasticamente col suo pieno appoggio, grazie alla chiusura delle redazioni periferiche con conseguenti dimissioni di diversi giornalisti, il direttore del giornale, Diego Minonzio, si accorge che i numeri sono ridotti all'osso e quindi emana un editto con toni da generale di brigata. "Visto che l'unica priorità – scrive – è la sostenibilità del lavoro redazionale, ogni settore dovrà distribuire i giorni di ferie in maniera assolutamente omogenea lungo l'anno" (…) "Ripeto: le esigenze personali e familiari... sono secondarie e del tutto irrilevanti rispetto alle priorità aziendali». È la denuncia dell'Associazione Lombarda dei Giornalisti che sul proprio sito web riporta il testo integrale dell'ordine di servizio del direttore.

«Non solo – incalza l'Assostampa –: Minonzio, che non ha eccepito nulla sugli esuberi previsti dall'azienda nel piano che ha portato nei fatti al taglio di 7 giornalisti articoli 1, si accorge adesso che "i settori sono composti da 6 redattori, la logica e il buon senso dicono che quando uno di questi è in ferie, gli altri 5 devono essere presenti"... logica e buon senso improvvisamente tornati protagonisti adesso, dopo la realizzazione di un progetto insensato fortemente avversato dalla redazione, dal Cdr e da tutto il sindacato ma tenacemente sostenuto da Minonzio stesso.

Ora, a parte il fatto che il Contratto nazionale di lavoro giornalistico prevede ferie concordate e non ordini da caserma, a parte il trascurabile particolare che le ferie servono, per legge, al ristoro del lavoratore e non a stressarlo ulteriormente (e che esistono 5 giorni di permesso retribuito da prendersi a totale discrezione del lavoratore), ci chiediamo come possa un direttore che scrive "le esigenze personali e familiari... sono secondarie e del tutto irrilevanti rispetto alle priorità aziendali" avere la fiducia di un editore cattolico (la Diocesi di Bergamo) i cui valori dovrebbero, si suppone, porre la priorità sulla persona e non sulle esigenze aziendali e produttive».

Di fronte a un attacco frontale ai diritti dei lavoratori, l'Associazione Lombarda dei Giornalisti, conclude il sindacato regionale, «è pronta a sostenere in ogni sede le ragioni dei giornalisti de La Provincia e si schiera fin d'ora al loro fianco».

PER APPROFONDIRE
Ecco di seguito il comunicato del Cdr de La Provincia.

In data odierna il direttore Minonzio ha inviato ai responsabili dei settori un "ordine di servizio non derogabile" che il Cdr fin dalla premessa dichiara essere del tutto irricevibile per i motivi che andremo a illustrare.
Prima i fatti. Nell'ordine di servizio il direttore scrive che "considerate le difficoltà strutturali causate dal nuovo organico" (sic!) il piano ferie estivo dovrà prevedere l'assenza per ferie di UN SOLO redattore di ogni settore per volta. Quando un redattore è assente, secondo il direttore Minonzio, nessun altro può prendere ferie contemporaneamente. Lo stesso direttore, che dal canto suo non si è mai fatto mancare un giorno d'assenza durante tutte le feste comandate, ha anche precisato nel suo "ordine di servizio non derogabile" come sia "vietato l'accumulo di ferie a luglio ed agosto così come a Pasqua e Natale". Infine ha sottolineato come "le esigenze personali e familiari sono secondarie e del tutto irrilevanti".
Come premesso, il presente ordine di servizio è "irricevibile". E il Cdr chiede sin d'ora un incontro URGENTE con l'azienda, al fine di chiedere il formale ritiro dell'ordine di servizio e chiarire una volta per tutte le regole di convivenza elementari con i dipendenti di questo giornale, già pesantemente spremuti dalle scelte della direzione e dell'azienda stessa.
Le motivazioni per cui non intendiamo in alcun modo accettare un simile ordine di servizio dovrebbero essere del tutto evidenti, ma a fronte di una simile imposizione ci corre l'obbligo ribadirle.
- Non è affatto vero che "le difficoltà strutturali" siano causate dal nuovo organico. Le difficoltà strutturali di cui fa cenno il direttore hanno dei responsabili e questi sono il direttore Diego Minonzio stesso, i consigli di amministrazione di Sesaab e La Provincia spa e i vertici aziendali. Sono loro ad aver "venduto" l'attuale organizzazione redazionale come l'unico modo per affrontare da un lato la crisi, da un lato i problemi di organico. Ora i nodi vengono al pettine e, come sempre, ancora una volta si chiede che sia la redazione a sacrificarsi. Questo è un atteggiamento insultante, irrispettoso, scorretto e – lo ripetiamo – del tutto "irricevibile".
- Giova ricordare, tra l'altro, che la redazione chiamata a pagare le conseguenze di scelte non sue, ha bocciato a maggioranza assoluta il piano editoriale e di riorganizzazione del lavoro del direttore.
- Molti settori, già in affanno anche in passato, sono sempre riusciti a garantire ai colleghi di usufruire contemporaneamente di periodi di ferie nei mesi "caldi" di luglio e di agosto e questo lo si è potuto fare grazie al consolidato e ampiamente dimostrato senso di responsabilità dei redattori di questo giornale. Non si comprende dunque il senso di un siffatto "ordine di servizio".
- Nella sua mail, il direttore scrive testualmente: "Le esigenze personali e familiari sono secondarie e del tutto irrilevanti rispetto alle priorità aziendali". Duole dover constatare come il direttore non conosca non solo le più elementari regole di convivenza civile all'interno di un posto di lavoro – peraltro già fortemente "stressato" anche (se non soprattutto) per causa sua – ma soprattutto il codice civile (si suggerisce il ripasso dell'articolo 2109, dal quale si evince che nella scelta del periodo di ferie bisogna tener conto "degli interessi del prestatore di lavoro").
Il Cdr prende atto della volontà del direttore di innalzare una volta di più il livello dello scontro nei confronti di una redazione esausta, martirizzata da tagli, sacrifici e sistematiche forme di vessazioni che si aggiungono alla frustrazione di aver visto il proprio giornale perdere negli ultimi nove anni il 39% della sua diffusione.
Alla luce di tutto ciò, ribadiamo la richiesta di un confronto urgente con l'azienda e inoltriamo la presente all'Associazione Lombarda Giornalista per chieder fin d'ora assistenza qualora ci fosse bisogno di impugnare formalmente l'ordine di servizio.
Il Comitato di redazione

 

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più