CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Cda Rai, Usigrai: «I partiti di governo prendono tutto. Precedente grave»
Servizio pubblico 15 Lug 2021

Rinnovo Cda Rai, Usigrai: «I partiti di governo prendono tutto. Precedente grave»

«Lottizzazione è compiuta», denunciano i rappresentanti dei giornalisti del servizio pubblico, che tornano a chiedere di essere convocati per discutere di riforma. «Quanto sta avvenendo dimostra che nessuna svolta sarà possibile finché non cambierà la legge di nomina», rilevano.

«Lottizzazione è compiuta. Quanto sta avvenendo in questi giorni sul rinnovo del Cda della Rai dimostra che nessuna svolta per il servizio pubblico sarà possibile finché non cambierà la legge di nomina». È quanto denuncia, in una nota, l'esecutivo Usigrai all'indomani dell'elezione dei quattro componenti del nuovo Consiglio di amministrazione espressione di Camera e Senato.

«Al di là degli slogan – incalzano i rappresentanti sindacali – al momento della spartizione i partiti dimostrano con i fatti che non intendono togliere le mani dalla Rai. Al di là dei nomi, senza quindi esprimere alcun giudizio sulle persone, questa volta c'è stato un ulteriore salto di qualità: si è dimostrato che questa legge consente ai partiti di governo di prendere tutto il banco, lasciando fuori dal Cda qualunque rappresentanza dei partiti di opposizione».

Per l'Usigrai si tratta di «un precedente grave. Che dovrebbe richiamare tutti coloro che credono nella democrazia e nel pluralismo a pretendere con urgenza una nuova legge. L'Usigrai – concludono i giornalisti del servizio pubblico – resta ferma sulla posizione di sempre, mai cambiata con governi e maggioranze di ogni colore: attendiamo di essere convocati per discutere una riforma sempre annunciata, mai approvata».

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più