CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Il presidente Aser, Matteo Naccari
Associazioni 28 Giu 2021

Stato di crisi a Editoriale Nazionale, Aser: «Accordo approvato dai giornalisti. Polemiche pretestuose»

«I colleghi articoli 2 e 12 hanno deciso di partecipare in maniera solidaristica ai sacrifici che da anni subiscono gli articoli 1 accettando un mese di Cig a testa a zero ore (come da normativa) nell'arco di un piano che prevede 18 mesi di ammortizzatore sociale. Un sacrificio frutto di un lungo confronto e di spirito di collaborazione, con uno sguardo rivolto alla stabilizzazione dei precari», precisa l'Assostampa.

«Lo stato di crisi che partirà a luglio all'Editoriale Nazionale è frutto di un confronto iniziato lo scorso anno tra i Comitati di redazione delle testate del Gruppo (Quotidiano Nazionale, Quotidiano.net, il Resto del Carlino, La Nazione e Il Giorno), uniti in Coordinamento, e approvato dal voto complessivo di tutte le assemblee dei giornalisti». Lo precisa, in una nota, l'Associazione Stampa dell'Emilia Romagna.

«Continuiamo a leggere comunicati di Associazioni di Stampa, sul cui territorio le redazioni e i giornalisti dell'Editoriale Nazionale insistono solo marginalmente e praticamente mai coinvolte nelle trattative, che si vantano di non avere firmato l'accordo davanti al Ministero, sostenendo che la messa in cassa integrazione anche degli articoli 2 e 12 di questi giornali viola il contratto di lavoro e ne mette in discussione le basi», prosegue l'Aser.

«Intanto – incalza l'Assostampa – specifichiamo che gli articoli 2 e 12 hanno deciso di partecipare in maniera solidaristica ai sacrifici che da anni subiscono gli articoli 1 (tra cassa integrazione e solidarietà) accettando un mese di cassa integrazione a testa a zero ore (come da normativa, visto che non hanno orario giornaliero di lavoro) nell'arco di un piano che prevede 18 mesi di ammortizzatore sociale (con percentuali variabili a seconda dei mesi) per gli articoli 1. Questo sacrificio, ripetiamo, frutto di un lungo confronto e di uno spirito di collaborazione con gli articoli 1, servirà anche per stabilizzare alcuni colleghi precari e avviare un percorso per migliorare i loro compensi, ad esempio per i siti internet».

Il piano, conclude l'Aser, «che prevede sì prepensionamenti e tagli alle buste paga, è stato valutato nei minimi dettagli, non è stato firmato a cuor leggero e soprattutto senza tenere conto delle leggi in materia e del contratto di lavoro. Contiene, infine, forme di tutela che l'Aser, così come tutte le associazioni che quotidianamente assistono i colleghi di Qn, Q.net, Carlino, Nazione e Giorno, faranno rispettare anche a costo di metterne nuovamente in discussione i contenuti nel caso in cui l'azienda non metta in atto quanto concordato».

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più