CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Il giornalista Renato Moro
Lutto 24 Feb 2021

Addio a Renato Moro, caporedattore centrale del Nuovo quotidiano di Puglia. Il cordoglio della Fnsi

Classe 1960, giornalista professionista dal 1985, è stato in prima linea negli anni bui della Sacra corona unita, di cui ha raccontato l'evoluzione affrontando con coraggio i rischi che questo comportava. Cronista curioso, attento, acuto, ironico, se ne è andato nella notte per un improvviso malore.

Il giornalismo pugliese piange Renato Moro, caporedattore centrale del Nuovo quotidiano di Puglia. Classe 1960 (avrebbe compito 61 anni il prossimo 15 aprile), giornalista professionista dal 1985, è stato in prima linea negli anni bui della Sacra corona unita, di cui ha raccontato l'evoluzione da malavita in mafia organizzata affrontando con coraggio il rischio che questo significava.

Dopo i primi passi nelle radio e poi nelle televisioni locali, ha collaborato con Quotidiano e Gazzetta del Mezzogiorno prima di essere assunto al Quotidiano nel marzo 1988. «Senza mai smettere i panni del giornalista di strada, sempre con lo sguardo vigile sul bene e sul male, ha guidato per anni la Cronaca di Lecce, passando infine nel ruolo di caporedattore centrale, responsabile dell'Ufficio di coordinamento. Sempre con lo stesso spirito, con la stessa passione, identica immutata voglia di fare e di lavorare», ricordano i colleghi sul sito web del giornale.

Curioso, attento, acuto, ironico, Moro se ne è andato nella notte per un malore improvviso. Lascia la moglie, la giornalista Anna Rita Invidia, e tre figli.

A loro la Federazione nazionale della Stampa italiana rivolge un commosso abbraccio. Ai colleghi del Nuovo quotidiano di Puglia e agli amici che hanno potuto conoscere e apprezzare Renato Moro va la vicinanza del sindacato dei giornalisti.

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più