Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  La polemica
La polemica | 22 Mag 2020
CONDIVIDI:

Attacchi ai giornalisti, Fnsi e Usigrai: «La stampa non può essere zittita»

«È inaccettabile che ogni cronista che si occupi della gestione del Covid-19 in Lombardia venga vilipeso o che addirittura se ne chieda la rimozione come nel caso di Federica Sciarelli a 'Chi l'ha visto?'», rileva il sindacato, che augura inoltre «che il premier Conte non si ripeta nell'insolentire, invitandolo a fare il ministro, ogni collega che pone domande non gradite».
La conduttrice di 'Chi l'ha visto?', Federica Sciarelli

«La stampa non può essere zittita. È inaccettabile che in un Paese dove vige l'articolo21 della Costituzione ogni giornalista che, nell'esercizio del proprio lavoro di informare i cittadini, si occupi della gestione del Covid 19 nella regione Lombardia venga attaccato, vilipeso o che addirittura se ne chieda la rimozione come nel caso di Federica Sciarelli a 'Chi l'ha visto?'». Lo affermano Fnsi e Usigrai che, in una nota congiunta, rilevano: «Siamo accanto a tutti i colleghi, i quotidiani, le testate e le trasmissioni che stanno subendo questi attacchi strumentali. Ci auguriamo inoltre che il presidente del Consiglio Conte non si ripeta nell'insolentire, invitandolo a fare il ministro, ogni giornalista che pone liberamente domande a lui non gradite, come avvenuto l'ultima volta anche con il collega Ciapparone».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più