Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Contratti
Contratti | 19 Ott 2020
CONDIVIDI:

Contratto Uspi-Cisal, le decisioni della Giunta esecutiva

La revoca con effetto immediato del patto di alleanza con la Confederazione dei lavoratori e l'invito a deferire ai probiviri il segretario Francesco Cavallaro, giornalista pubblicista iscritto all'Ordine della Calabria. Mandato agli avvocati per verificare che l'intesa non arrechi pregiudizio ai giornalisti. Cessazione di ogni confronto con l'associazione guidata da Francesco Saverio Vetere. È quanto stabilito con le Assostampa Regionali.
Una recente riunione della Giunta esecuitiva Fnsi

Revoca con effetto immediato del patto di alleanza sottoscritto con la Cisal l'11 dicembre 2017. Invito al Consiglio direttivo del Sindacato Giornalisti della Calabria a deferire al Collegio regionale di probiviri il segretario generale della Cisal Francesco Cavallaro, giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei giornalisti della Calabria, per violazione dello Statuto federale. Mandato agli avvocati per verificare che il contratto sottoscritto da Uspi e Cisal sia conforme alle previsioni di legge, alla correttezza dei rapporti sindacali e soprattutto non arrechi pregiudizio ai giornalisti e, in tal caso, attivare ogni azione necessaria a garantire il rispetto delle regole.

È quanto stabilito dalla Giunta esecutiva della Fnsi riunita, in modalità telematica, con la Consulta delle Associazioni regionali di Stampa dopo la notizia della firma di un contratto per la regolamentazione dei rapporti di lavoro di natura redazionale da parte di Uspi e Cisal, mentre era in corso con l'organizzazione datoriale guidata da Francesco Saverio Vetere una trattativa sul rinnovo del contratto firmato con la Federazione nazionale della Stampa italiana scaduto il 31 maggio 2020.

E mentre, come espressamente previsto dal patto di alleanza sottoscritto con la Fnsi, la Cisal si era impegnata a riconoscere nei contratti nazionali di lavoro giornalistico stipulati dalla Federazione nazionale della Stampa italiana «l'unico strumento adeguato a regolamentare i diritti contrattuali dei giornalisti e a garantirne l'autonomia professionale».

Le decisioni della Giunta e delle Assostampa erano state anticipate da una dura presa di posizione del sindacato dei giornalisti all'indomani della stipula dell'accordo fra Uspi e Cisal, mai comunicata ufficialmente alla Fnsi.

In virtù di quanto accaduto, e in ragione dell'evidente mancanza di affidabilità dimostrata, Giunta esecutiva e Associazioni regionali di Stampa hanno dichiarato cessato ogni confronto con l'Uspi sulla prosecuzione dei lavori di rinnovo del contratto nazionale scaduto il 31 maggio 2020, e di proseguire, al contempo, il confronto con le altre organizzazioni datoriali interessate, per la tutela contrattuale, assistenziale e previdenziale dei colleghi.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più