Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  La polemica
La polemica | 14 Gen 2020
CONDIVIDI:

Coppa Italia, il Cdr di Rai Sport: «Troppi attacchi, coincidenza o vogliono toglierci anche questi diritti?»

«Non accetteremo un'ulteriore ridimensionamento del Servizio Pubblico in tema di diritti sportivi», affermano i rappresentanti dei giornalisti, che lamentano «accuse assurde come quella di condizionare i sorteggi e favorire i grandi club per fare alzare gli ascolti».
Coppa Italia, il Cdr di Rai Sport: «Troppi attacchi, coincidenza o vogliono toglierci anche questi diritti?»

«Nelle ultime settimane non si contano gli attacchi a Rai Sport per le partite di Coppa Italia trasmesse in diretta e in esclusiva su Rai1, Rai2 e Rai SportHd canale 57. Accuse assurde come quella di condizionare i sorteggi e favorire i grandi club per fare alzare gli ascolti. Alcuni azzardano addirittura fantomatici paragoni con la FA Cup inglese e la Bbc senza evidentemente sapere di cosa stanno parlando. Le squadre di Premier League, infatti, cominciano a giocare a gennaio, mentre i primi turni sono riservati alle squadre delle serie minori». È la denuncia del Cdr di Rai Sport che, in una nota, spiega: «Il format della competizione e le date dei turni vengono decisi, in modo insindacabile, dalla Lega Calcio. Lo stesso accade per il campionato, trasmesso dalle pay tv. Ma questo non scandalizza i colleghi di altre testate che preferiscono accanirsi contro Rai Sport».

Discorso analogo, incalzano i giornalisti del servizio pubblico, per le gare serali. «Ci si lamenta – si legge – solo per quelle di Coppa Italia che, giocandosi in giorni feriali, permettono anche a chi lavora di vedere le partite. Nessuno, invece, ha qualcosa da ridire sulle notturne di campionato il sabato e la domenica delle quali si potrebbe tranquillamente fare a meno e che sono a esclusivo beneficio delle pay tv. Il sospetto è che questi attacchi, sincronici e diffusi, nascano dalla volontà di togliere alla Rai la Coppa Italia. Su questo punto vogliamo essere molto chiari. Non accetteremo un'ulteriore ridimensionamento del Servizio Pubblico in tema di diritti sportivi. Il calcio in chiaro, come hanno mostrato gli ascolti della Supercoppa Italiana, ottiene ottimi risultati per la nostra azienda che non solo deve difendere ciò che ha acquistato e ma – concludono il Comitato di redazione e il fiduciario di Milano di Rai Sport – è chiamata a rilanciare in vista delle prossime, decisive, partite sui diritti sportivi».

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Iscriviti alla Newsletter

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più