Cerca nel sito
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Home  |  News  |  Internazionale
Internazionale | 29 Nov 2019
CONDIVIDI:

Emergenza Malta: «Giornalisti sequestrati da delinquenti»

Paolo Borrometi e Sandro Ruotolo, sull'isola in rappresentanza della Fnsi, sono stati bloccati insieme con decine di altri colleghi dopo la conferenza stampa del premier Muscat. «L'Europa intervenga subito: ciò che è accaduto non ha precedenti in una Repubblica democratica. I giornalisti di tutto il mondo denuncino quanto sta accadendo», ammoniscono. In serata nuove proteste e migliaia di persone in piazza.
La manifestazione di venerdì sera a Malta (Foto: timesofmalta.com)
Persone in piazza a Malta (Foto: @sruotolo1)

di Paolo Borrometi e Sandro Ruotolo

Siamo veramente preoccupati per quanto sta accadendo a Malta. La scorsa notte, insieme a tutti gli altri colleghi (almeno una quarantina), siamo stati letteralmente sequestrati dopo la conferenza stampa del Premier Joseph Muscat. Un fatto di una gravità assoluta, come testimoniano le immagini. Sono stati dieci minuti incredibili, sequestrati e bloccati senza una motivazione, fra le urla delle colleghe maltesi che avevano riconosciuto chi ci bloccava.

Inizialmente pensavamo a poliziotti in borghese o uomini del secret service, apprendiamo invece che fossero picchiatori e criminali, pluripregiudicati, a quanto pare sostenitori del primo ministro maltese. A Malta, evidentemente, non esistono regole valide per tutti, tranne quelle volute a uso e consumo dallo stretto gruppo di Muscat.

Nell'Isola rappresentiamo la Federazione nazionale della Stampa italiana, quindi istituzionalmente:

Chiediamo al Premier Muscat di chiarire pubblicamente perché siamo stati sequestrati e di chiedere scusa.

Chiediamo all'Europa di intervenire subito: ciò che è accaduto la scorsa notte non ha precedenti in una Repubblica democratica, in un Paese che è a ottanta chilometri in linea d'aria dall'Italia, in uno Stato che dovrebbe essere parte integrante dell'Europa.

Chiediamo ai giornalisti di tutto il mondo, come annunciato nella nota del segretario Lorusso e del presidente Giulietti, di denunciare quanto sta accadendo. È una vergogna, non esiste lo stato di diritto a Malta.

LE REAZIONI
Al fianco di Borrometi e Ruotolo si sono schierati alcuni europarlamentari e il deputato di Sinistra Italiana-Leu, Erasmo Palazzotto, componente della commissione esteri di Montecitorio, che definisce «grave» e «inquietante» quanto accaduto e si dice «certo che il Ministero degli Esteri nelle prossime ore chiederà gli opportuni chiarimenti alle autorità maltesi affinché non si ripetano più episodi del genere».

In serata, intanto si è tenuta una nuova manifestazione per chiedere le dimissioni del premier Joseph Muscat. È la sesta iniziativa di protesta in dieci giorni. In piazza almeno sei mila persone con cartelli e foto di Daphne.

@fnsisocial
  Vedi altre news

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più