CERCA
Cerca nelle notizie
Dal
Al
Cerca nel sito
Minacce 10 Set 2015

Minacce a Tusciaweb, Stampa romana e Cronisti romani: “Le autorità intervengano”

Stampa Romana, con il segretario Lazzaro Pappagallo, il Sindacato cronisti romani, con il Presidente Fabio Morabito, e Gianni Tassi, fiduciario dell’Asr per la provincia di Viterbo, intervengono dopo l’ennesimo caso di intimidazioni ai danni di un giornalista nella Tuscia: “Intervengano le autorità”, chiedono in una nota congiunta.

Stampa Romana, con il segretario Lazzaro Pappagallo, il Sindacato cronisti romani, con il Presidente Fabio Morabito, e Gianni Tassi, fiduciario dell’Asr per la provincia di Viterbo, intervengono dopo l’ennesimo caso di intimidazioni ai danni di un giornalista nella Tuscia: “Intervengano le autorità”, chiedono in una nota congiunta.

“È di oggi la notizia delle minacce e delle intimidazioni ricevute da Daniele Camilli, collega della testata online viterbese Tusciaweb. Non è la prima volta che Camilli subisce intimidazioni per il suo lavoro di cronista”. Lo rendono noto l’Associazione stampa romana e il Sindacato dei cronisti romani insieme al fiduciario per la provincia di Viterbo dell’Asr.
“È curioso – scrivono Lazzaro Pappagallo, Fabio Morabito e Gianni Tassi – che ci si rivolga ai Casamonica, evocati per la loro capacità criminale e non per essere un fenomeno di costume,  per zittire il giornalista scomodo”. Il riferimento è alla lettera di minacce recapitata al quotidiano online nella quale – appunto – si chiede alla famiglia Casamonica di intervenire contro “chi ha osato scrivere sul funerale del vostro amico”.
“È da anni che episodi del genere, anche più violenti, avvengono nella Tuscia, alcuni dei quali – prosegue la nota – denunciati con dovizia di particolari alle forze dell’ordine e alla stessa Procura della Repubblica. L’Associazione Stampa Romana e i Cronisti Romani, nell’esprimere solidarietà a tutti i colleghi vittime di aggressioni verbali e fisiche, aggiungono la propria preoccupazione per un susseguirsi di fatti che con il passare del tempo diventano più frequenti, arroganti e pericolosi. La stessa Asr viterbese – concludono Stampa romana e Cronisti romani – chiede un pronto e determinato intervento delle autorità competenti al fine di individuare e punire i responsabili. È a rischio, non solo l’incolumità dei colleghi ma la stessa libertà d’informazione”.
Per questa ragione i firmatari del documento annunciano che nei prossimi giorni chiederanno un incontro con il Procuratore Capo della Repubblica del tribunale di Viterbo.
(Foto: Tusciaweb.eu)

@fnsisocial

Articoli correlati

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalita illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi di più